lunedì, marzo 07, 2016

SABATO 12 MARZO PRESIDIO CONTRO LA GUERRA DI FRONTE A CAMP DARBY


Il PCL aderisce e partecipa alle manifestazioni contro la guerra promosse per il 12 marzo, in continuità con le iniziative del 16 gennaio. Abbiamo lavorato sull'appello, chiedendo e ottenendo la rimozione di ogni passaggio che potesse sottintendere, fosse pure implicitamente, una posizione di tipo “campista” (di sostegno alla Russia di Putin, all'Iran e ad Assad). Perché una simile posizione avrebbe subordinato il movimento contro la guerra ad uno schieramento di potenze in guerra. Laddove è per noi fondamentale che il movimento contro la guerra si ponga in contrapposizione a tutti gli interessi imperialisti e a tutte le politiche di potenza, anche tra loro confliggenti, assumendo come unico riferimento le ragioni sociali e democratiche dei lavoratori e delle masse oppresse di ogni paese. 
L'impostazione ottenuta ha favorito l'allargamento del fronte promotore a soggetti che non avevano partecipato alle manifestazioni del 16 gennaio (come Sinistra Anticapitalista). Un allargamento unitario che consideriamo positivo. 
L'appello presenta ugualmente genericismi, e alcuni richiami da cui dissentiamo: come il riferimento ad un'Italia “neutrale” quale fattore di “pace”. L'Italia è un paese imperialista, tra paesi e potenze imperialiste. Nessun imperialismo può essere fattore di pace, quale che sia la sua collocazione diplomatica, perché si fonda sull'oppressione diretta o indiretta di altri popoli. Solo il rovesciamento dell'imperialismo, e dunque del capitalismo su cui si fonda, può liberare uno scenario di vera pace. Che è inseparabile dall'emancipazione e liberazione da ogni oppressione. 
Tuttavia, il limite pacifista dell'appello non cancella la sua valenza positiva e progressiva. Tanto più a fronte dei possibili preparativi di guerra in Libia, e della tragica continuità della macelleria siriana. Poniamo semmai l'esigenza di allargare il fronte della mobilitazione contro la guerra, fuori da ogni logica minoritaria, per trasformarlo in un fattore politico capace di incidere sullo scenario italiano. Per questo abbiamo proposto e proponiamo la ricerca attiva di una convergenza unitaria nella mobilitazione anche con forze e associazioni dell'"integralismo pacifista" (Zanotelli), così come con forze del movimento operaio e della sinistra, politica e sindacale. Per questo proponiamo comitati unitari contro la guerra che, nel rispetto delle diversità di posizioni e del loro confronto, siano capaci di aggregare in ogni territorio il fronte di mobilitazione più vasto. 
In ogni mobilitazione il PCL porterà il profilo complessivo della propria proposta indipendente: classista, internazionalista, socialista.

Nessun commento:

Posta un commento