venerdì, giugno 07, 2013

E’ una rivolta, non (ancora) una rivoluzione!



Il primo maggio 2013, la polizia ha riversato tonnellate di gas lacrimogeni su decine di migliaia di lavoratori e giovani in diversi quartieri di Istanbul, al fine di impedire loro di avvicinarsi a piazza Taksim.Il governo aveva deciso che questa piazza, il luogo tradizionale per le celebrazioni del Primo Maggio e sede di azioni politiche quotidiane grandi e piccole, doveva essere chiusa a ogni manifestazione di quest'anno, a causa degli enormi pozzi scavati per i lavori di costruzione previsti, che la renderebbero pericolosa per le folle. 

Durante una dichiarazione stampa ridicola, il governatore di Istanbul si trovava in cima a una collinetta ai margini di uno di quei buchi, in un disperato tentativo convincere del la minaccia che questi rappresentavano per la gente. Esattamente un mese dopo, il sabato 1 giugno, le masse che protestano contro i piani urbanistici alla base di questo lavoro edilizio e contro il governo stesso, avevano occupato la piazza e ne avevano fatto la parte più libera di Istanbul, o meglio della Turchia! La polizia si ritirava nel pomeriggio da Piazza Taksim lasciando il luogo alla folla di manifestanti che la affollavano a centinaia di migliaia! Questo per tre giorni. 

E non una sola persona è caduta in alcuna delle “terrificanti” fosse! Il simbolismo è evidente: questa è la più grande sconfitta per il governo dell'AKP e per il primo ministro Tayyip Erdogan, da quando il partito è salito al potere un decennio fa. 
Questo è un fatto di importanza epocale. Nonostante le profonde contraddizioni in seno alla borghesia turca negli ultimi dieci anni, che trovano l'ala dominante occidentalista-laicista contro l'ala islamista di recente ascesa, che includevano anche trame di colpo di stato e imprigionamento dei vertici, non è una forza all'interno della classe dirigente, ma sono le masse popolari che danno a Erdogan la sua prima lezione seria! 
Per le centinaia di migliaia di persone per le strade e le piazze di almeno 48 delle 91 città capoluogo di provincia del paese e per i molti milioni dietro di loro che sostengono la lotta moralmente da dentro le loro case, niente è dato più per scontato. Si tratta di una massa di persone che sono forti della fiducia in se stesse e che hanno la sensazione che sono loro a rappresentare ciò che è giusto e retto. Sfidano tutte le convenzioni e i limiti del sistema giuridico vigente che disciplina l'attività politica. Sì, questa è una ribellione, la rivolta di un popolo contro un governo oppressivo che ha supervisionato i processi di sfruttamento capitalistico brutale nel corso di un intero decennio. Ma non è ancora una rivoluzione. Qui ci sono le persone che vogliono far cadere il governo (il principale slogan unificante è "Erdogan dimissioni!" O "governo dimissioni!"), Ma non sono organizzati, né possono ancora organizzarsi in modo da costituire un governo alternativo che rappresenti le loro aspirazioni e interessi. Questa non è una lotta per il potere, ma un gigantesco movimento che ha preso tutto (o quasi tutto, vedi sotto) il paese nella sua morsa, che grida le sue rimostranze e vuole togliere dalla scena ciò che vede come la causa di tutti i mali: il governo Erdogan 
Spontaneità ed eterogeneità 
Come in quasi tutti i casi di esplosione rivoluzionaria o pre-rivoluzionaria in tutto il bacino del Mediterraneo entro gli ultimi cinque anni (Grecia dicembre 2008, la Tunisia e l'Egitto 2010-11, Spagna 2011), la rivolta in Turchia è anche totalmente spontanea e non controllata da qualsivoglia organizzazione politica o sociale. Questa è sia una forza e sia una debolezza. E 'un punto di forza nelle fasi iniziali, perché muove i più incredibili settori e strati della società, senza timore di manipolazione da parte di un’organizzazione politica non sia di loro gradimento. E 'sicuramente un punto debole a lungo termine in quanto se la rivolta dovesse trasformarsi in una rivoluzione, questa non potrebbe che trionfare sotto la guida di uno o più partiti politici con un forte seguito nel movimento di massa. Ma anche nel medio periodo (e, in questo tipo di situazione concreta, quando si parla di medio periodo, stiamo parlando settimane, se non giorni), è un punto debole, in quanto lascia paradossalmente il movimento vulnerabile alle macchinazioni dei vari settori dell'establishment politico borghese che vuole recuperare il movimento attraverso i metodi più sottili (rifiutati da Erdogan, che ha persistito e firmato) e in questo modo mettere una rapida fine alla ribellione, prima che inizi a sfuggire di mano e cominci a minacciare le basi del dominio capitalista del paese. 
Questo tipo di alternativa ha già iniziato a prendere forma nella forma di una alleanza tra Abdullah Gul, il presidente della repubblica (la cui origine politica è anche per lui l’AKP), una figura che è in rivalità politica con Erdogan per le prossime elezioni presidenziali, e Kemal Kilicdaroglu, il leader del CHP, il membro turco della cosiddetta Internazionale Socialista. Subito dopo che Erdogan è partito per un viaggio nei paesi del Nord Africa, Bulent Arinc, Vice Primo Ministro con funzioni temporaneamente di Primo Ministro, assume una linea che critica la posizione di Erdogan, anche probabilmente per cercare di riassorbire il movimento attraverso alcune concessioni minori al movimento di massa nei prossimi giorni, con Erdogan convenientemente assente dato che i metodi morbidi sono a lui estranei. Dietro questo tipo di soluzione si attesterebbe almeno il TUSIAD, l'organizzazione dell'ala filo-occidentale del capitale finanziario, se non altre organizzazioni delle classi dirigenti turchi. Questo tipo di soluzione del problema è resa ancora più urgente dal momento che in questa fase l'economia capitalista è minacciata dalla situazione in cui si trova la Turchia. Lunedì, quarto giorno della rivolta, ma il primo giorno in cui la Borsa di Istanbul era aperta, i mercati sono caduti una picchiata, chiudendo più del 10 % sotto, in un giorno catastrofico. D'altra parte, il movimento stesso è estremamente eterogeneo, sia in termini di classe e in orientamento ideologico-politica. Nella composizione di classe, si può facilmente affermare che questo è un movimento interclassista, con le i settori più moderni della piccola borghesia totalmente immersi in uno stile di vita occidentale, gli intellettuali, l’aristocrazia operaia e i giovani in prima linea. La classe operaia non è ignara del movimento, ma non ha ancora né gettato il suo peso organizzato dietro il movimento o ha messo avanti le sue rivendicazioni di classe specifiche. Ideologicamente e politicamente tre grandi tendenze possono essere individuate, con infinite variazioni di ogni categoria. Vi è la sensibilità ecologica, purtroppo rovinata dal liberalismo di sinistra (nel senso europeo del termine "liberale") di gran parte della sinistra in Turchia, che li rende facile preda delle macchinazioni di quello che potrebbero considerare come "democratico" e "l’ala civile "della borghesia. Vi è, in secondo luogo, una molto forte, si potrebbe anche dire dominante, tendenza nazionalista turca, che vanno dalle associazioni kemaliste alla miriade di organizzazioni ex-maoiste, kemaliste, e sino al para-fascista Partito laburista. E, naturalmente, c'è la collezione eterogenea di forze socialiste e rivoluzionarie turche, tutti esperti e sperimentati negli scontri di strada, ma prive di acume politico o orizzonte programmatico. Le aspirazioni delle tre tendenze sono molto diverse tra loro. Per le tendenza liberali ed ecologiste di sinistra, il grande sogno è l'adesione della Turchia all'Unione europea. Quindi, qualsiasi accordo che rende il TUSIAD felice potrebbe forse lasciarli soddisfatti. La tendenza nazionalista è divisa tra atlantismo e una posizione pro-UE, da un lato, e un orientamento eurasiatico, dall'altro. Tuttavia, entrambi i settori di queste sotto-correnti sono uniti contro l'islamizzazione strisciante che l'AKP ha portato avanti con successo da oltre un decennio. Sono tutti "repubblicani", cioè difendono i principi di Kemal Ataturk e alleati dell'ala filo-occidentale della borghesia, cioè l'ala rappresentata nuovamente dal TUSIAD.(La contraddizione che il lettore può percepire in due diverse tendenze rappresentate dai liberali di sinistra e i nazionalisti nel loro supporto comune al TUSIAD è una contraddizione che esiste nella vita reale!) La sinistra socialista, nella sua maggioranza, purtroppo finisce in coda all'una o all'altra delle tendenze di cui sopra. Vi è, ovviamente, una terza tendenza principale che sostiene la causa curda, da più che poco tempo. E 'solo se i principali attori mancanti al momento entrano nella mischia, che la sinistra può anche cominciare a rappresentare una soluzione alternativa alla crisi. 

Gli attori mancanti 
Il destino della grande ribellione popolare in Turchia sarà deciso dalle seguenti domande: Può il movimento curdo unirsi alla ribellione o si terrà a fianco del governo dell'AKP? E arriveranno i battaglioni fondamentali della classe operaia a farsi avanti con le loro richieste e le loro proprie forme di lotta di classe? 
Sulla prima questione, nonostante il nostro convinto sostegno per i diritti del popolo curdo, compreso quello all’autodeterminazione, ci sentiamo in dovere di sottolineare, senza purtroppo riuscire a entrare nei dettagli, che il movimento curdo è sulla strada sbagliata per aver accettato le condizioni di Erdogan per il cosiddetto processo di "pace". Questo li obbligherà a sostenere il ruolo espansionista e egemonico avventurista che il governo dell'AKP cerca di stabilire per la Turchia in tutta la regione del Medio Oriente e Nord Africa e oltre. Anche in questa fase iniziale, quando il processo di "pace" non ha e quasi ancora iniziato, ha comunque finora impedito loro di sostenere la ribellione popolare perché questo, temono, possa gettare acqua fredda sulle loro relazioni con il governo dell'AKP e rovinare l'intero processo di "pace". Questa, si è costretti a sottolineare, è una posizione più arretrata, per quello che una volta era un movimento rivoluzionario nazionale con tendenze marxiste. A loro difesa, si dovrebbe ricordare che per tre decenni, mentre le masse curde erano perseguitate e assassinate, la maggior parte delle persone per le strade ora, guardavano dall’altra parte, se non addirittura prestavano sostegno diretto alle azioni criminali dello Stato turco. 
Per quanto riguarda la classe operaia, si dovrebbe affrontare la verità onestamente e ammettere che in cabina elettorale, il cuore della classe operaia ha votato per Erdogan e che i principali battaglioni della classe (dai metalmeccanici per il trasporto stradale e) sono inquadrati da sindacati estremamente burocratizzati che si inchinano di fronte all'assalto della classe capitalista e hanno recentemente cercato di assicurare le condizioni della propria esistenza attraverso la fedeltà ad Erdogan. Il più recente esempio di tale vergognosa capitolazione è stato visto nel calore della ribellione popolare stessa. La leadership di destra del più grande sindacato dei lavoratori del metallo aveva rifiutato i termini di organizzazione dei padroni e aveva proclamato uno sciopero applicabile nel corso del mese di giugno. E poi ha firmato lo stesso contratto collettivo la notte durante la quale la rabbia popolare si è scatenata per le strade di Istanbul. Una coincidenza? Niente affatto. Il leader di questo sindacato ha posto la sua candidatura per la posizione di leader della più grande confederazione del lavoro e dichiara la sua fedeltà a Erdogan in modo da mantenere il “lavoro”! Tuttavia, la classe operaia mostra tendenze verso l'adesione al movimento della grande rivolta. Ci sono state ripetute marce, notte dopo notte, in diversi quartieri della classe operaia, alla periferia di città come Istanbul, Ankara e Antalya. Se solo questo potenziale potesse essere radunato per formare un movimento organizzato, l'intera situazione potrebbe passare da una ribellione con orizzonti incerti a una rivoluzione con un fine chiaro. 
Queste sono le risorse nascoste della ribellione in Turchia. Se la classe operaia entrasse in lotta con le sue esigenze e le sue forme di lotta specifiche, l'intero equilibrio di forze cambierebbe. La federazione sindacale che rappresenta i dipendenti pubblici (KESK) aveva già dichiarato uno sciopero settoriale per il 5 giugno. Se questo dovesse essere accolto dal resto del movimento sindacale e trasformato in uno sciopero generale, la ribellione in Turchia farebbe un enorme passo avanti. L'altra forza è, naturalmente, il movimento nazionale curdo. Le città del Kurdistan turco sono ancora quiescenti. Se decideranno di unirsi ai loro fratelli e sorelle di tutto il resto della Turchia, un'esplosione di proporzioni imprevedibili scuoterebbe la Turchia, il Medio Oriente e oltre. 

Il DIP nella rivolta 

Il Partito rivoluzionario del proletariato (DIP), sezione turca del CRQI, si è pienamente inserito nella lotta dal primo giorno della ribellione. I nostri compagni sono stati in prima linea di fronte alla polizia su Istiklal off Taksim venerdì sera. Da sabato, siamo stati presenti nella piazza Taksim liberata, in maniera ininterrotta e abbiamo, ovviamente, partecipato alle riunioni di coordinamento tenute da un coordinamento di organizzazioni al fine di decidere su questioni politiche, di sicurezza, e di logistica. Abbiamo distribuito due volantini in decine di migliaia di copie. Organizziamo comizi di agitazione e di propaganda di fronte ai militanti del partito e dei presenti che erano nella nostre vicinanze sulla piazza. Abbiamo anche partecipato a pieno titolo alle lotte nelle altre città in cui siamo presenti (Izmir, Ankara, Antalya, Adana, Antep), dove le condizioni sono molto più difficili perché la polizia agire ancora più brutalmente e non hanno ancora abbassato la guardia. La linea politica del DIP è stata chiaro fin dal secondo giorno della ribellione (1 giugno), quando abbiamo distribuito il nostro primo volantino. (Il secondo è stato distribuito il 3 giugno). Facciamo ogni sforzo per mettere la classe operaia al centro della ribellione popolare. Esprimiamo chiaramente che per ottenere una vittoria seria, la ribellione dovrebbe comprendere le rivendicazioni di classe e assumere forme organizzative che sono proprie della classe operaia. A tal fine, sin dall'inizio abbiamo fatto la proposta molto concreta che il preannunciato sciopero settoriale del KESK del 5 giugno fosse trasformato in uno sciopero generale, quando nessuno ancora parlava di azione dei lavoratori in relazione alla ribellione popolare. Le tradizioni movimentiste della sinistra turca e la mancanza di fiducia nel proletariato per effetto dell'erosione ideologica degli ultimi due o tre decenni, rendono difficile questo tipo di approccio. In entrambi i volantini in cui abbiamo chiamato ad uno sciopero generale, includendo i nostri slogan su Piazza Taksim. 
L'idea di uno sciopero generale è poi stata evocata dai più progressisti ambienti sindacali, a partire dal terzo giorno (Domenica 2 giugno), e c'è anche una voce che sostiene che almeno il DISK (Confederazione dei Sindacati progressiva della Turchia) abbia allo sciopero del KESK. Questo probabilmente si rivelerà non essere reale, e forse solo uno o due sindacati cercheranno di organizzare uno sciopero. 
La notizia su un "sciopero generale" in Turchia deve essere maneggiata con cautela. Il DIP mette in guardia il movimento che, anche se è emozionante quando scandisce lo slogan "Erdogan deve dimettersi!", che questa non è davvero una possibilità concreta sull’agenda attuale e che dovremmo prima chiedere le dimissioni di alcuni altri capi, a cominciare dal Ministro dell'Interno, che noi chiamiamo "Muammer il chimico", come per "Ali il chimico" di Saddam. Noi assimiliamo gli agenti in borghese che maneggiate bastoni in acciaio e che hanno causato un vero e proprio terrore tra la folla a Istanbul e Smirne, ai Baltadjis di Mubarak durante la Battaglia del Cammello o la Shabiha di Bashar Assad e rivendichiamo un'inchiesta approfondita su queste bande di teppisti del tutto irresponsabili. 
La prospettiva strategica del DIP è, naturalmente, per stabilire l'egemonia della classe di lavoro all'interno della ribellione popolare in modo da spianare la strada alla rivoluzione permanente. 
4 giu 2013 
(*) Parafrasando il duca de La Rochefoucauld che risponde a Re Luigi XVI di fronte alla rivoluzione francese


Sungur.Savran 
Segretario del Partito Rivoluzionario Operaio di Turchia ( D.I.P. )

Nessun commento:

Posta un commento