sabato, giugno 22, 2013

BRASILE: LA RIVOLTA BRUCIA LE TAPPE



Le manifestazioni in Brasile sono iniziate il 6 giugno, con duemila manifestanti nel centro di San Paulo contro il rialzo delle tariffe di trasporto in quella città. La repressione ordinata dal governo dello stato (di destra) e sostenuta dal governo municipale (PT), è stata estremamente violenta. Due settimane dopo, i manifestanti, in quasi tutte le capitali e le principali città del paese, avevano superato i due milioni (un milione a Rio de Janeiro il Giovedi 20). Il rialzo è stato abolito e oggi è diventato quasi un aneddoto. Anche diverse altre capitali e città che avevano annunciato un aumento dei trasporti lo hanno ritirato,-senza alcun esplicito riferimento alla rivendicazione al riguardo. La decisione del governo paulista di ritirare il “tarifazo” , nell' intento di svuotare le strade, è stata celebrata per le strade come una grande vittoria. Lo stesso MPL (Movimento per i Passaggi Liberi), convocatore iniziale delle proteste, ha sospeso la mobilitazione. E 'stato, però, del tutto inutile: Venerdì 21, più di due milioni di persone riempivano le strade del Brasile. Diverse capitali sono state letteralmente paralizzati. Il popolo ei lavoratori brasiliani hanno iniziato una mobilitazione storica. 
La lotta contro il “tarifazo” è diventata una mobilitazione contro l'intero sistema politico. I giovani sono scesi in strada con rivendicazioni sui trasporti, la sanità, l'istruzione, contro la repressione, contro il governo e la corruzione del governo e della opposizione. Il presidente (Dilma Rousseff) è stata fischiata sonoramente in apertura della Coppa delle Confederazioni, e dopo ha chiuso il becco per due settimane. Il regime politico è caduto in uno stato catatonico. Alla polizia (militare, federale, statale, civile, ecc., tutto l' imponente apparato repressivo montato sotto la dittatura), è stato ordinato di osservare solamente, e intervenire solo in caso di saccheggi. Proprio venerdì 21 Dilma ha decisodi aprir bocca , annunciando che le royalties del petrolio “pre-sale” (petrolio sottomarino che il governo PT aveva privatizzato) saranno destinate alla formazione (non ha detto come, ovviamente). Ha convocato una riunione di governatori e alcuni sindaci, la maggior parte dei rappresentanti della destra più marcia, repressiva e corrotta, per organizzare una risposta da parte del regime nel suo complesso. Un colpo che può rivelarsi controproducente. 
Le principali centrali sindacali (CUT-PT, Fuerza Sindical, CGT), la Federazione Studentesca UNE, (filo-governativa) accompagnate dal solito coro delle ONG e delle istituzioni "liberali" di tutti i colori, hanno rilasciato una recente dichiarazione dopo due settimane di proteste e di lotta di strada. Dopo la solita caciara progressista, hanno deciso di “programmare con urgenza, una riunione nazionale che coinvolga i Governi statali, i sindaci delle principali città, ed i rappresentanti di tutti i movimenti sociali (...) l'incontro è il unico modo per trovare soluzioni per affrontare la crisi urbana". Anche il MST (Senza Terra), ha firmato questa richiesta unitaria di tutta la reazione politica brasiliana per contenere la rivolta popolare. 
All' interno delle manifestazioni sono apparsi, come era prevedibile, gruppi di criminali saccheggiatori (infiltrati da provocatori della polizia, la P2), gruppi di fascisti e gruppi individuati come "senza partito". Alcuni, alleati con skinheads neonazisti, hanno attaccato i partiti di sinistra (PSTU, PSOL, PCB). Nel fine settimana (22-23) si è tenuta una riunione per discutere come combattere questi gruppi. Giovani dei sobborghi più poveri, neri o mulatti per lo più, stanno già organizzandosi per rompere la testa dei gruppi skinheads razzisti. I "senza partito", che cantano l'inno ed esibiscono bandiere brasiliane, sono altra cosa; sono un sintomo del crollo della organizzazione sociale e politica in Brasile, dopo dieci anni di governo di fronte popolare - alleanza di PT e sindacato che controlla (CUT), con PMDB e destra evangelica. 
La ribellione brasiliana non è però una mobilitazione di classe, ma il primo episodio di ciò che sta arrivando. Mette a nudo le disgustose ammucchiate burocratiche delle organizzazioni sindacali (CUT in primo luogo). Conlutas, piccolo sindacato di classe (guidato dal PSTU), ha proclamato mobilitazioni a partire dal prossimo giovedi (27). Alcuni dei loro settori (ANDES-insegnanti-universitari, ad esempio) hanno indetto mobilitazioni sin dall'inizio, assieme ai giovani del MPL. Il progetto di una assemblea plenaria nazionale di lavoratori e giovani combattenti per organizzare la lotta, inizia a farsi strada. I docenti delle università federali, l' anno scorso hanno fatto un enorme sciopero generale di diverse settimane. 
La sinistra del regime si è affrettata a denunciare un complotto golpista: i manifestanti sarebbero "utili idioti". Lo stesso MPL ha ceduto a quelle pressioni. Diverse manifestazioni si sono svolte (a Brasilia, per esempio) anche dopo che gli organizzatori le avevano sospese. I "progressisti" brasiliani sono ora in ottima compagnia col premier turco Tayyip Erdogan, che pure sostiene una cospirazione internazionale contro il suo governo e quello Brasile. L'imperialismo avrebbe complottato per rovesciare i suoi alleati; è quello che diranno negli Stati Uniti, quando comincerà la mobilitazione contro gli abusi di Obama. 
Le mobilitazioni internazionali di solidarietà con il Brasile sono impressionanti, per il numero di città coinvolte, e la solidarietà della popolazione locale. In Brasile non si sta affrontando una dittatura, né un governo di destra, ma il governo simbolo mondiale della sinistra progressista e dei programmi sociali egualitario- compensativi che il capitalismo mondiale presenta in termini elogiativi. La chiarificazione politica che sta producendo questa lotta assume una portata internazionale. 
La borghesia brasiliana ha cominciato a discutere dell'urgenza di riforme politiche, e anche la possibilità di un' assemblea costituente; riconosce così che non siamo di fronte ad una rivolta di passeggeri dei bus. La sinistra rivoluzionaria si può forgiare solo dando una risposta globale a tutte le questioni politiche sollevate, e non solo favorendo la ribellione popolare. In Brasile assistiamo ad un altro assalto delle masse, nel contesto storico del crollo del capitalismo, per rompere la catena dei collegamenti imperialisti e inaugurare una fase finale della rivoluzione socialista mondiale. 


Traduzione dallo spagnolo di P.V.


Osvaldo Coggiola ( Brasile )

Nessun commento:

Posta un commento