martedì, aprile 16, 2013

LETTERA SULLA GIUNTA 5 STELLE/PIZZAROTTI DI PARMA DAL SITO DELLA RETE 28 APRILE



lettera di un compagno del PCL Parma

Pubblichiamo una lettera che ci è stata inviata sulla Giunta grillina a Parma. Di Cristiano Antonini (...)



Parlare della Giunta Pizzarotti significa addentrarci a piedi nudi nella più grossa truffa elettorale degli ultimi vent’anni. Perché l’Elezione dei Cinque Stelle è stata accompagnata da una straordinaria speranza di partecipazione da parte di una grande parte dei parmigiani. Una speranza tradita come non mai da un’amministrazione che sta agendo in maniera speculare all’odiato (a parole) Governo Monti. 

Un tradimento che è iniziato immediatamente, da parte di un gruppo di persone che diceva “Noi non siamo politici”, e le cui prime azioni sono consistite nel sistemare parenti ed amici: Marco Vagnozzi, che prima era “consulente presso il Gruppo assembleare regionale del Movimento 5 stelle”[1], è stato messo a forza a Presidente del Consiglio Comunale per garantirgli uno stipendio ed un lavoro che non avrebbe. Gabriele Folli, impiegato di un’azienda metalmeccanica, è diventato assessore all’ambiente perché leader di un’associazione che ha portato un pacchetto di voti a Pizzarotti (GCR). Cosi come le nomine di Cristiano Casa, Nicoletta Paci. E sorvoliamo anche sui famosi curricula[2], che dovevano essere la base su cui selezionare le persone: a Parma stiamo ancora attendendo la loro pubblicazione, che è avvenuta in modo parziale ed accuratamente censurata. Nessuno a Parma ha ancora capito su che base sia stata selezionata l’assessore alla cultura Ferraris, con i disastrosi risultati cui stiamo assistendo al Teatro Regio:il solo Festival Verdiano si è chiuso con un passivo da 650 mila euro a fronte di un investimento da 1 milione e 450 mila… fate un po’ voi![3]. 

Sorvoliamo anche sui famosi Consulenti gratuiti, non pervenuti a Parma, ma che salutiamo caldamente. Meno calorosi invece siamo nei confronti dei più numerosi consulenti a pagamento, quei famosi articoli 90 e 110[4] su cui sputavano fuoco e fiamme i Cinque Stelle prima di dover nutrire parenti ed amici. 

Voliamo oltre alle polemiche odierne, e non approfondiamo il legame di grande amicizia che da molti anni lega Marco Bosi, portavoce in consiglio comunale dei Cinque Stelle, e Pier Paolo Mora, responsabile parmigiano di Casa Pound Italia (Mora che prima delle Elezioni indicò proprio come i grillini fossero l’unico partito quasi votabile del panorama parmigiano, dalle pagine di un settimanale parmigiano, Zerosette, il cui direttore diventerà poi casualmente anche l’attuale portavoce di Federico Pizzarotti). Evitiamo anche per questioni di tempo il tema della Democrazia Partecipata, che oramai ogni parmigiano ha compreso essere solo una tecnica aziendale di gestione e rimodulazione del dissenso. 

Concentriamoci invece sul reale livello amministrativo dell’amministrazione Pizzarotti, sulle sue complicità, e sulla sua sovrapponibilità con il Governo Monti. 

1) Come il Governo Monti l’assunto di base è uno stato debitorio insostenibile [5]. Che lo sia o meno. Dico che lo sia o meno perché i conti del Comune di Parma sono nebulosi ed astratti in barba ad una millantata trasparenza . A Parma si è chiesto all’opposizione di votare il Bilancio Comunale senza visionare praticamente i conti delle Partecipate[6], le quali forniscono documentazioni spesso incomplete e prive di un qualsiasi Piano Industriale. Il Debito a Parma è mal definito perché DEVE essere alto: solo se è al limite del Default si possono giustificare quei tagli allo Stato Sociale cosi aggressivi ed indistinti che Pizzarotti sta portando avanti da tempo. 

Una documentazione incompleta anche per occultare il comportamento di una Giunta Pizzarotti che vede il Sindaco e l'assessore al Bilancio Capelli mutuare comportamenti IDENTICI come pratiche e come finalità, a quelli adottati dalla precedente e inquisita Giunta Vignali, sia che si parli delle lettere di Patronage[7] che semplicemente ora non riguarda Spip (cui dedicherò un paragrafo a parte), sia che si parli di illeciti passaggi di denaro da una Partecipata all'altra (che se mi permetti è ancora illegale!)[8]. 
Chi ha protestato, come la ex dirigente di Stt Piermarioli (di nomina prefettizia, ci tengo a sottolineare che non era un'eredità del Pdl) è stato fanculizzato. A favore sempre ed immancabilmente non di qualcuno di più preparato, ma di un ignorante lacché obbediente agli ordini, leciti o illeciti. Sulle Partecipate in tal senso credo che l'avvocato Vento sia arrivato a 3 o 4 poltrone da Amministratore Unico. 

Il tutto spesso con l’avvallo silenzioso di un’opposizione che talvolta approva perché parte della precedente amministrazione, e talvolta perché politicamente interessata a far risaltare una mala gestione dei predecessori del Pdl. Situazioni di speculazione politica ridicole (è evidente il livello amministrativo del Pdl: alcuni sono finiti in carcere, altri sono indagati…che c’è da capire?) che non giustificano in alcun modo i tagli che vengono perpetrati. 

2) Se passa, come è passato, il messaggio che il Debito è da Default allora sono lecite o giustificabili le seguenti azioni: 

- tagli non orizzontali[9] ma sperequativi dei Servizi Sociali, prima erogati gratuitamente alle Fasce più Deboli, soprattutto quelli agli Anziani, letteralmente sfrattati da alcune strutture[10] messe in vendita da Pizzarotti. I grillini a Parma si stanno vendendo scuole, asili e case di riposo[11]. E stanno applicando una impietosa Spending Review in salsa parmigiana. 

- sospensione (o cancellazione, chissà) del cosiddetto Quoziente Parma[12], un sistema integrato di dati fiscali che permetteva ai cittadini di Parma di pagare i Servizi Sociali sulla base delle proprie condizioni di vita. La giustificazione dell’assessore Rossi è stata che i servizi sociali costano. Vorremmo farle sapere che lo sapevamo già, e che lei è uno di quei costi: che provveda a guadagnarsi il panino, invece che cazzeggiare. Il Sociale non può e non deve essere percepito come un costo, perché è il perno su cui si costruisce una Società Civile. 

- Alienazione di strutture pubbliche, messe all’asta con prezzi ridicoli in un momento di depressione storica, quando non palesemente svenduti a creditori con risibili artifici contabili[13], che peraltro sono oggetto delle attenzioni della Corte dei Conti. 

- Vendita dei Beni Comuni, dall’ Acqua Pubblica alle azioni di Iren. Quest’ultimo punto merita una particolare attenzione, perché racconta il reale grado di inserimento dei grillini in talune tematiche, percepite come semplici trampolini per una poltrona politica. 

Nella Previsionale di Bilancio 2013-2016 hanno inserito persino la vendita dei pozzi (e quindi non solo delle tubature), mediante l’inserimento nel Piano di Alienazioni delle società partecipate Ascaa e Emiliambiente[14]. Se un consigliere comunale PD (Massimo Iotti), ed un militante del Pcl (Cristiano Antonino, modestamente) non si fossero accorti di cosa volevano in modo truffaldino svendere noi avremmo mandato all’asta l’acqua. Scoperto, l’assessore Folli ha sedato le proteste del Comitato Acqua Pubblica parlando di “un equivoco interno al Comune”[15], come se mettere in vendita aziende partecipate fosse una cosa che può capitare distrattamente. 

Altri Beni Comuni hanno avuto minore fortuna: è il caso delle azioni Iren, la partecipata in cui il Comune di Parma detiene il 6,8%, di cui Pizzarotti ha consentito dapprima un pignoramento parziale da parte di talune banche e successivamente la messa in vendita a copertura del Bilancio di una megaholding comunale, STT. 

L’unico ostacolo alla vendita è stata la clausula ereditata dai grillini con iren di una non dismissione delle quote prima del 2015. Cosi per ora vengono solo date in pegno[16]. Racconta molto dell’ambientalismo grillino, rispetto alla nostra Acqua, ai nostri Rifiuti, al nostro Gas, alla nostra Energia Elettrica. 
Da notare anche come sia un autogoal economico, oltre che un favore agli amici banchieri del grillino Pizzarotti: è grazie ai 4,8 milioni di euro dei dividendi Iren che il Comune di Parma non è finito gambe all’aria quest’anno. 

Tutta una serie di manovre sottese a garantire, o meglio ad ipergarantire, un Sistema Bancario che è stato correo nella creazione del disastroso quadro economico parmigiano. Ne è una prova il caso Spip, che del buco delle Partecipate è il caso più eclatante: Spip rappresentava circa 108 dei 670 milioni di Debito diretto o indiretto del Comune di Parma. Un crac, quello di Spip, che vede tra gli indagati anche alcuni ex amministratori di Parma. Questi hanno potuto operare anche grazie a procedure bancarie sulla cui legittimità la Magistratura ha indagato a lungo, come per esempio delle inconsistenti lettere di Patronage, una delle quali firmate dall’ex sindaco Elvio Ubaldi (anch’esso a processo). 

Poteva Pizzarotti mandare a fallimento una Partecipata cosi intossicata da illecite pratiche politiche, procedura che peraltro avrebbe azzerato i conteggi giudiziari per la conclusione del processo, che pare avviato alla prescrizione. Ed invece no: ha offerto un piano di concordato, che significa oltre alla già citata prescrizione per eventuali responsabili, anche un esborso di soldi pubblici da circa 60-70 milioni (nessuno ha avuto la possibilità di vedere l’offerta fatta all’assemblea dei creditori) di euro. Offerta che peraltro è stata cassata l’8 febbraio dagli stessi creditori, visto che il Comune non ha erogato nemmeno la tranche natalizia da 2,8 – 5 milioni (anche qui le cifre ballano a seconda tu senta il Comune o i creditori). 

Pizzarotti ha voluto fin da subito salvare questa Partecipata[17] nonostante il Concordato implicasse innanzitutto evitare agli Imputati l'accusa di Bancarotta Fraudolenta (che ora grazie alla Procura hanno, e godo,cazzo!) e dall'altro significasse imporre alla città tagli spaventosi a Rette degli Asili, servizi ai Disabili, Taglio di alcune voci in busta paga dei Dipendenti Comunali e via dicendo. E chiunque protestasse è stato letteralmente linciato dai commentatori grillini, al punto che il segretario di Funzione Pubblica a Parma, Sauro Salati (non esattamente un pasdaran, per capirci) alla fine ha dovuto definire il comportamento dell'amministrazione per ciò che era: Squadrismo. Cioè bugie (plateali) davanti alle videocamere, richiami a colloqui privati dei dipendenti, in assenza dei Sindacati, che intendano bypassare[18]. Con questa reazione (link video[19]). 

Pizzarotti si è nascosto dietro alla necessità di tutelare i Fornitori, che significano Lavoratori, ma dei 108 milioni di euro del Crac Spip solo una decina vanno ad aziende, ed il resto va alle 15 banche d’appoggio, come ben denunciato dalla Commissione Audit[20] che pure per un lungo periodo ha guardato con pazienza e tolleranza Pizzarotti. 

Tutte queste azioni hanno alienato la simpatia reale dei parmigiani verso questa amministrazione, che è oramai percepita per ciò che è, e cioè la diretta prosecuzione economico/finanziaria della precedente. Con viva delusione dei Comitati e delle Associazioni, spiazzate da un cosi rapido amore per la poltrona dei Grillini parmigiani. 
A fronte di questo modo di agire, credi forse che Pizzarotti abbia preso una singola iniziativa che fosse sperequativa e volta a far pagare di più a chi ha di più? No, nemmeno una: non si è avvalso di nessuna deroga del Patto di Stabilità nel Sociale, e nemmeno della possibilità di introitare il 100% dell’evasione fiscale che ora rimane totalmente in carico ai Comuni. Nessuna iniziativa ha tutelato le fasce più deboli, al netto delle chiacchiere. Solo vaghi e maldefiniti intenti cui non è mai conseguito nulla. Per non indispettire gli amici di destra e tra gli Industriali, sosteniamo in molti, qui a Parma. 
Un ambientalismo fatto di chiacchiere e poco altro, in cui i permessi per entrare in città costano 10 euro, perché sia ben chiaro a chiunque che se hai i soldi non è che inquini poi tanto. 

Se è vero che Parma è stata laboratorio politico di una parte d’Italia, lo è anche oggi che Pizzarotti agonizza, vittima di sé stesso, e del proprio leader. 
Pizzarotti ha vessato un'intera città per potersi vantare di aver approvato il Bilancio prima di tutti. Chiunque si opponesse è stato oggetto della violenza grillina, che è stata sia mediatica che in termini di mobbing vero e proprio. Il tutto per accantonare soldi che sono andati per la maggior parte a gruppi bancari, e grandi aziende edili. Intendiamoci, Giorgio: i pagamenti alle aziende sono un'ottima cosa se si alternano all'erogazione di nuovi lavori sul territorio. Altrimenti sono quei giochini di merda (scusa il francesismo) con i quali si fanno giungere soldi alle banche in modo indiretto. Un esempio pratico? Volentieri: una quota importante degli 82 milioni di euro accantonati in conto capitale dal Comune a Cinque Stelle sono finiti ad aziende come Unieco e Coopsette, che hanno portato i libri in Tribunale a Reggio. In pratica sono soldi buttati, o quasi. E non si sono trovati 250 mila euro per i bambini in connotazione famigliare tale da rientrare nel Quoziente Parma (una armonizzazione delle graduatorie Isee). 

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2013-01-04/pizzarotti-perde-anche-battaglia-132702.shtml?uuid=Ab1xpIHH 

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2013-04-02/paradosso-pizzarotti-anno-rigore-124341.shtml?uuid=Ab17EcjH 

Se vorrai altro materiale questi sono i canali Youtube mio personale e del Pcl Parma: senti il materiale a tua disposizione. 

http://www.youtube.com/channel/UC1FRS4X6YUB9hT9fRVjEm3A 

http://www.youtube.com/channel/UCn7hTiW_g-jrArfYp-4iP0g? 
feature=watch 

Molti Compagni nelle fabbriche votano Movimento Cinque Stelle? Già, sticazzi: finché non sei governato, dal M5S è facile...pare un Eldorado. E' quando si sei dentro, e delibera dopo delibera ti rendi conto che è semplicemente una fottuta Lobby all'americana per la manipolazione del consenso e per la re-distribuzione di incarichi, consulenze e stipendi che diventa meno bello essere governati dai grillini. 

Ti faccio presente che non ti ho raccontato nemmeno un quinto (puoi credermi) delle porcate che hanno combinato qui a Parma. E tutte hanno lo schema che ti ho prefigurato con Spip: 

a) noi DOBBIAMO fare una cosa, qualsiasi essa sia! 
Es: non dobbiamo far fallire Spip, altrimenti andiamo in downgrade bancario[21] 

b) Chi si oppone, a qualsiasi titolo è un ideologico, un lottizzato, o un superficiale disinformato[22]. 

c) Se va storta e accade esattamente il contrario di ciò che avevano promesso non è che avessero ragione quelli che prima sono stati sminuiti, sviliti,smerdati: hanno comunque ragione loro" 

Es: Spip non doveva fallire, pena il downgrade (come avrai letto). Tutta la città (audit, Pcl, Pd, Funzione Pubblica, Associazioni) a dirgli "ma che cazzo dici?". Spip fallisce per decisione della Procura. Reazione[23] 

Comunque Giorgio (Cremaschi ndr): è veramente inutile appartenere al No Debito o organizzare un No Monti Day e avvallare i grillini, di cui Pizzarotti rappresenta la punta di diamante. E non perché lo dico io...perché lo dicono loro. 

Scrivere non è la mia forma di comunicazione...spero che guarderai con pazienza alla mia sintassi di fotografo, e di essere riuscito a spiegarti quanto Pizzarotti sia significato aggressione violenta ai miei concittadini, sia per le sue scelte politiche sia per le tecniche aggressive con cui qui gestiscono il dissenso. Qualcosa di vergognoso, che avviene essenzialmente per l'assurda convinzione diffusa che i grillini, in quanto inesperti, siano facilmente manovrabili. Nella realtà sono estremamente tattici, molto incisivi e abili a prendersi tutta la torta. 

09/04/2013 

[1] http://parma5stelle.it/wp/consiglieri-comunali/#mvagnozzi come si autodefinisce 

[2] http://parma5stelle.it/wp/2012/04/assesori-a-5-stelle/ 

[3] http://uncomunea5stelle-parma.blogautore.repubblica.it/2012/11/28/regio-fontana-situazione-grave/comment-page-1/ 

[4] chiamate dirette sindacali: http://parma5stelle.it/wp/2012/04/per-non-dimenticare/ 

[5] http://bit.ly/TThtYM 

[6]http://www.gazzettadiparma.it/primapagina/dettaglio/1/165954/Iotti%3A_Unaltra_promessa_mancata_dei_grillini%3A_niente_conti_e_piani_industriali_delle_partecipate.index.html 

[7] http://uncomunea5stelle-parma.blogautore.repubblica.it/2013/03/08/scuola-europea-la-lettera-del-sindaco/comment-page-1/ 

[8] http://uncomunea5stelle-parma.blogautore.repubblica.it/2012/09/19/ad-stt-contro-capelli-interpellaznza-guarnieri/ 

[9] http://uncomunea5stelle-parma.blogautore.repubblica.it/2012/11/28/rossi-cambieremo-i-servizi-domiciliari/ 

[10] come il Romanini Stuard http://www.gazzettadiparma.it/primapagina/dettaglio/1/152040/Pagliari%3A_Anziani_no_alla_vendita_del_complesso_Romanini-Stuard.html 

[11] http://parma.repubblica.it/cronaca/2012/12/07/news/parola_d_ordine_dismettere_il_bilancio_2013_di_capelli-48295248/) 

[12] http://www.parmatoday.it/cronaca/quoziente-parma-rossi-polemiche.html 

[13] leggasi STU Pasubio http://bit.ly/10rHCmz 

[14] http://uncomunea5stelle-parma.blogautore.repubblica.it/2012/12/11/pd-bilancio-asettico-mancano-le-partecipate/ 

[15] http://uncomunea5stelle-parma.blogautore.repubblica.it/2012/12/14/ascaa-ed-emilambiente-non-vogliamo-dismettere-le-quote/ 

[16] http://www.dire.it/DIRE-EMILIA-ROMAGNA/parma_per.php?c=47717&m=14&l=it 

[17] http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/07/18/pizzarotti-si-oppone-al-fallimento-della-societa-pubblica-ereditata-da-vignali/296575/ 

[18] http://uncomunea5stelle-parma.blogautore.repubblica.it/2013/03/19/indennita-sindaco-non-da-tagliare-ma-da-rivedere/ 

[19] http://www.youtube.com/watch?v=-tlnSGlzr08 

[20] http://www.ilmattinodiparma.it/?p=20096 

[21] http://www.zerosettenews.it/?p=12875 

[22]Es:http://parma.repubblica.it/cronaca/2012/10/26/news/democrazia_incontro_all_astra_confronto_quintavalla-pizzarotti-45409186/ 

[23] : http://uncomunea5stelle-parma.blogautore.repubblica.it/2013/04/08/fallimento-spip-parla-la-giunta/

Nessun commento:

Posta un commento