lunedì, marzo 25, 2013

NO MUOS: SOLO LA RIVOLUZIONE CAMBIA LE COSE

Il Movimento No Muos è giunto ad una svolta cruciale della propria storia. Dopo quattro mesi di presidio permanente la lotta contro uno dei più scellerati progetti dell'imperialismo americano è oramai divenuta elemento portante della vita del popolo niscemese e siciliano e ha anche varcato i confini della regione. Parallelamente a questo progressivo e inarrestabile coinvolgimento della popolazione, con gli studenti, il comitato delle Mamme No Muos, si è fatta sempre più aspra la reazione delle forze dell'ordine: gravissimi sono gli episodi di violenza di poliziotti contro gli attivisti che presidiano gli ingressi di C.da Ulmo, intollerabili le recenti perquisizioni nelle abitazioni degli abitanti niscemesi. E' del tutto chiaro come il tentativo sia quello di criminalizzare una lotta “sacrosanta” per la difesa della salute, dell'ambiente contro l' imperialismo statunitense.
Questa reazione repressiva dello Stato non può che dimostrare quanto illusoria ed ingannevole sia la soluzione istituzionale decantata dal governo regionale e dai partiti che lo sostengono: da Crocetta, dal PD, dal M5S non si è ottenuta né si otterrà mai alcuna revoca delle autorizzazioni, vogliamo affermare con forza che un governicchio di una regione di periferia (per di più in piena bancarotta e per questo più esposta al ricatto della finanza internazionale) non riuscirà a fermare di un solo millimetro il progetto di egemonia bellica della più potente forza militare mondiale. Soltanto la forza e l'organizzazione rivoluzionaria di un grande Movimento No Muos che rompa del tutto con le forze riformiste e populiste dell' apparato istituzionale potrà raggiungere i risultati per cui lotta. Soltanto il collegamento del Movimento NOMUOS alle lotte dei lavoratori, dei precari, dei disoccupati, della parte più povera della popolazione può innescare un vero e proprio cambiamento sociale, soltanto una vertenza sociale generale può indurre i padroni del mondo a rivedere i propri progetti.


Crediamo per questo, che il Movimento NoMuos debba sganciarsi dalla morsa asfissiante del riformismo e dell'illusione democraticista di partiti che fino a ieri hanno finanziato guerre in ogni parte del pianeta (PD, PDL), che “civettano” con il console americano (come fa M5S) e che debba unirsi a tutti i movimenti esistenti: dal No Tav e al No Ponte al No Debito, dal Movimento studentesco a quello dei lavoratori in lotta contro il precariato e i licenziamenti sotto l'unica grande parola d'ordine dell'Anticapitalismo. Il Partito Comunista dei Lavoratori, da sempre al fianco del movimento No Muos continuerà ad appoggiare tutte le lotte popolari contro l'ingerenza imperialista e a denunciare i partiti servi dell'imperialismo Occidentale. Riconvertire le spese militari in spesa sociale
Contro la repressione dei Movimenti Antimperialisti
Per un fronte unico di lotta Contro il Capitalismo e le sue guerre


Partito Comunista dei Lavoratori - Sicilia

Nessun commento:

Posta un commento