sabato, febbraio 16, 2013

PREDICARE BENE E RAZZOLARE MALE

La FIOM regionale della Lombardia, con l’avallo di Landini, esclude il PCL dall’incontro dei delegati con i rappresentanti delle forze politiche di “sinistra”.

Poche settimane fa si è sviluppata una ampia polemica per la decisione della segreteria CGIL di permettere l’intervento alla sua Conferenza di programma dei soli rappresentanti dei partiti del centrosinistra (Bersani, Vendola e Tabacci).
Senza prendere posizione ufficiale sulla questione, la FIOM aveva lasciato intendere un suo, sia pur moderato, dissenso rispetto a tale scelta di esclusione.
Ma, evidentemente, le buone intenzioni hanno i loro limiti.
Così la FIOM regionale della Lombardia ha pensato bene di organizzare, la mattina del 15, un incontro dei delegati della regione con Vendola, Ingroia e Mucchetti (del PD), incontro concluso da Landini, escludendo il nostro partito.
Non sono valse le nostre sollecitazioni a ritornare su tale decisione, né la protesta personale con Landini.
Ciò nonostante precedenti occasioni in cui Landini e Ferrando avevano condiviso la tribuna in occasioni analoghe, ma lontane dalle scadenze elettorali, ad esempio in Veneto.
Il motivo ci pare evidente: nonostante la sua fraseologia radicale, il gruppo dirigente della FIOM è interessato ad avere rapporti solo con forze che possano domani contare sul terreno governativo o parlamentare, nella speranza che la aiutino ad uscire dall’empasse in cui una politica, contraddittoria e inadeguata ai livelli di scontro, la ha portata nei confronti del padronato.
Una forza realmente operaia e rivoluzionaria viene percepita quindi oggi come un problema ed è quindi preferibile ignorarla e cercare che sia ignorata dai lavoratori.
Ma nonostante questi burocrati “di sinistra”, il PCL non si fa annullare. E’ stato presente a questa iniziativa con un massiccio volantinaggio, così come è presente in questi giorni di fronte a tutte o quasi tutte le più importanti fabbriche metal meccaniche, nello specifico della Lombardia, per indicare un progetto alternativo a quello dei Vendola e degli Ingroia-Di Pietro- Ferrero- Diliberto e la necessita che la classe operaia e la sua avanguardia rilancino su di essa una radicale battaglia anticapitalistica.
Nè i riformisti politici governisti , né i burocrati “di sinistra” ci potranno impedire di sviluppare con coerenza tale battaglia.

PARTITO COMUNISTA DEI LAVORATORI

Nessun commento:

Posta un commento