venerdì, settembre 14, 2012

UNA BATTAGLIA GENERALE PER LA NAZIONALIZZAZIONE DELLA FIAT


Il movimento operaio non può subire senza reagire l' ulteriore attacco 
frontale della Fiat. Né può attendere passivamente la sentenza di fine 
Ottobre. Tutto è ormai molto chiaro, e da tempo: la famiglia Agnelli e
 Marchionne hanno scelto di liquidare la propria presenza in Italia, 
procedendo con la chiusura progressiva degli stabilimenti, uno alla volta. 
Occorre allora unire i lavoratori di tutti le aziende Fiat in una lotta sola: 
che prepari l'occupazione degli stabilimenti e rivendichi la nazionalizzazione
 della Fiat, senza indennizzo e sotto controllo dei lavoratori. Se  la Fiat
 annuncia l'esproprio del lavoro degli operai, gli operai hanno il diritto 
di rivendicare l'esproprio della Fiat, ripartendo il lavoro tra tutti a parità 
di paga. Una battaglia che può e deve congiungersi alla lotta generale 
per un governo dei lavoratori: l'unico governo che può realizzare queste 
misure; l'unico governo  di vera alternativa.




Nessun commento:

Posta un commento