martedì, marzo 13, 2012

VENDOLA AI PIEDI DI BERSANI. UN FUNAMBOLISMO TRASFORMISTA.

Nel momento stesso in cui Mario Monti attacca frontalmente il mondo del lavoro, coi voti del PD, Nichi Vendola rilancia il patto di governo col PD per la prossima legislatura. Non solo: elogia la “generosità” del PD nel suo appoggio a Monti, e apre alla UDC di Casini, principale sponsor di Monti e Confindustria. E' la misura plastica di una politica svincolata da qualsiasi principio di classe. Come si può stare nello stesso momento a fianco dei metalmeccanici e a fianco di un partito liberale che diserta le loro manifestazioni e sostiene il governo che li colpisce? Come si fa ad illudere le masse sul fatto che un governo con PD e UDC- sui libri paga entrambi di imprese e banche- possa rappresentare le esigenze dei lavoratori, per di più nel momento della massima crisi sociale?

Il vendolismo è solo una forma leggera di funambolismo trasformista, sospinto da ambizioni ministeriali. I lavoratori d'avanguardia aprano gli occhi. Per tempo. Per 15 anni (94/2008)hanno pagato un prezzo altissimo- politico e sociale- alla messa illusionista di Bertinotti e dei suoi diversi cardinali di tante stagioni( Vendola, Ferrero, Diliberto, Rizzo), subendo col loro voto le leggi di precarizzazione del lavoro, le finanziarie lacrime e sangue “per entrare in Europa”, la detassazione dei profitti, il sostegno alle guerre. Perseverare oggi alla corte di un altro Papa sarebbe davvero diabolico, e suicida. Tanto più dopo la verifica drammatica dell'esperienza.

Nessun commento:

Posta un commento