sabato, dicembre 17, 2011

I "CORRETTIVI" TRUFFA

I “correttivi” alla manovra economica sono solo una ridicola foglia di fico. La quinta manovra economica dell'anno continua a colpire la condizione sociale delle larghe masse al solo fine di garantire le banche- grandi acquirenti dei titoli di Stato- e di ridurre le tasse agli industriali ( IRAP e IRES). Aggravando le politiche di Berlusconi. 
Le nuove aperture a Monti da parte di IDV e persino di Grillo mostrano tutta l'inconsistenza del populismo. E' necessario invece organizzare ed estendere l'opposizione sociale al governo. Non basta il dissenso testimoniale delle burocrazie sindacali, finalizzato a riconquistare il posto a tavola della concertazione. Non vi è nulla da concertare al tavolo dei banchieri. Tutte le sinistre rompano definitivamente col PD e sviluppino una mobilitazione prolungata in tutta Italia contro il governo di Confindustria e banche, per la sua cacciata. Non vi è soluzione alla crisi che non sia apertamente anticapitalista. Lasciare alla Lega la bandiera dell'”opposizione” sarebbe suicida.

Nessun commento:

Posta un commento