martedì, giugno 28, 2011

A CHIOMONTE, UNA BATTAGLIA DI TUTTI

Nelle prossime ore, con ogni probabilità, scatterà l'operazione militare predisposta dal ministro Maroni contro la popolazione della Val di Susa. Basta leggere “La Padania” di oggi per capire l'aria che tira. Il fine è noto: sgomberare il campo in tempo utile alla missione TAV in funzione dei giganteschi interessi affaristici e speculativi legati all'investimento. Le strutture popolari No Tav hanno lanciato un appello alla mobilitazione più ampia a favore della propria lotta. Raccogliamo e diffondiamo questo appello. La lotta No Tav è la lotta per la difesa di un bene comune contro la dittatura del profitto. Per questo è una lotta di tutti. Il diritto di autodifesa di massa della valle, contro la minaccia militare, è un diritto democratico indiscutibile. Per tutto questo il nostro portavoce nazionale Marco Ferrando sarà questa sera a Chiomonte alla fiaccolata del movimento. Facciamo appello a nostra volta per la partecipazione più vasta e determinata.

Nessun commento:

Posta un commento