venerdì, febbraio 11, 2011

Oggi Tunisia ed Egitto. Domani Palestina

Sabato 12 febbraio a Livorno si svolgerà un'iniziativa nazionale
di boicottaggio contro l’ economia di guerra e di apartheid  dello stato di
Israele alla quale il Partito Comunista dei Lavoratori  ha dato la sua adesione.

Mentre le rivolte antigovernative esplodono dalla Tunisia all’ Egitto e toccano anche i paesi del Medio Oriente, in Palestina si vive un clima pesante. A Gaza nella giornata del 9 febbraio l’ aviazione israeliana ha colpito ancora duramente provocando molti feriti in una zona densamente popolata. Israele con la sua politica coloniale, lo sfruttamento delle risorse, costringe la popolazione palestinese ad abbandonare la propria terra per poi insediare illegalmente altre colonie in Cisgiordania o schiacciare la popolazione di Gaza nel piu' grande campo di prigionia esistente.
Le popolazioni di Gaza e Cisgiordania sono coinvolte direttamente dagli sviluppi delle rivolte vicine, rivolte che terrorizzano Israele. L’ostinata resistenza che Mubarak sta opponendo alle richieste della popolazione egiziana delle sue dimissioni nasconde anche l’esigenza di Israele di non scoprirsi il fianco nella partita decisiva di Gaza.
Il timore che Israele ha delle rivoluzioni in atto non viene solamente dalla possibilità che l’Egitto si tiri indietro dalla tenaglia che il regime di Mubarak e lo stato sionista hanno imposto su gaza, ma anche dalla crisi economica internazionale sempre più dirompente nel Mediterraneo.
In questo quadro il boicottaggio  a Livorno di ZIM, il più importante operatore logistico marittimo israeliano, indispensabile anche per i trasporti di armi per lo stato sionista, acquista il significato di un momento di lotta  e di denuncia imprescindibile contro l’ apartheid  e la politica di guerra dello stato sionista.
Livorno ore 14,00 Piazza del Luogo Pio  Manifestazione nazionale.
Per l’ autodeterminazione del popolo palestinese e la creazione di una Palestina
unita, laica, socialista.
 
Tunisia, Egitto oggi. Domani la Palestina.

Nessun commento:

Posta un commento