lunedì, gennaio 10, 2011

INCONTRO DI LANDINI COL PARTITO COMUNISTA DEI LAVORATORI


Nella sede nazionale della FIOM, su invito del sindacato, si è tenuto questa mattina un incontro tra il Segretario nazionale della FIOM Maurizio Landini, e il portavoce nazionale del Partito Comunista dei Lavoratori Marco Ferrando.
Il PCL ha dichiarato pieno e incondizionato sostegno alla Fiom e alla sua battaglia contro l’attacco congiunto del padronato, del governo, del PD, e contro la richiesta di capitolazione proveniente dalla maggioranza della Cgil. L’azione di sciopero generale dei metalmeccanici, promosso dalla Fiom per il 28 Gennaio, deve trasformarsi- a nostro avviso- in un vero sciopero generale di tutto il mondo del lavoro, in una logica di azione continuativa, radicale e di massa, capace di piegare davvero la Fiat, il padronato, il governo. Siamo a un bivio: o emerge la forza del lavoro o vince la forza del padrone. Il PCL, per parte sua, ha annunciato una campagna pubblica di denuncia del ruolo reazionario e filopadronale di Cisl e Uil, a favore dell’abbandono di questi sindacati da parte di tutti i lavoratori onesti ancora iscritti a tali sindacati.. Il PCL ha infine annunciato a Landini un’iniziativa di sostegno alla Fiom da parte di un gruppo importante di operai americani della Chrysler di Detroit, in contatto con i sostenitori in USA della nostra organizzazione internazionale.
L’incontro si è svolto in un clima di massima cordialità e solidarietà.

Nessun commento:

Posta un commento