mercoledì, gennaio 12, 2011

IL “NO” A MARCHIONNE E’ ANCHE UN “NO” A BERLUSCONI E AL PD

Il PCL sarà presente,  giovedì e venerdì, davanti ai cancelli di Mirafiori, col proprio portavoce nazionale, per sostenere il “No” a Marchionne: che è anche un No a Berlusconi e al PD, entrambi abbracciati alla Fiat.
Una vittoria del No contro il ricatto avrebbe una portata enorme per l’intero mondo del lavoro. Se Fiat provasse in quel caso a disinvestire e a fuggire, gli operai potrebbero occupare la fabbrica e rivendicare la sua nazionalizzazione, sotto controllo operaio. Un’azione che potrebbe propagarsi in altre centinaia di aziende in crisi. L’ arroganza della Fiat sta giocando col fuoco. I lavoratori possono opporre alla forza dell’azienda una forza eguale e contraria. Se la Fiat torna al primo’ 900, possono farlo anche gli operai. Perché Marchionne e gli Agnelli hanno bisogno degli operai, gli operai non hanno bisogno di loro. E possono prenderne coscienza.
 

Nessun commento:

Posta un commento