mercoledì, gennaio 12, 2011

DIFENDERE REBELDIA: IL PCL ADERISCE AL PRESIDIO IN DIFESA DEL PROGETTO REBELDIA

Il Partito comunista dei lavoratori, sezione di Pisa, esprime la sua solidarietà alle numerose associazioni del Progetto Rebeldìa che da un momento all'altro rischiano di essere stroncate dalla miopia di un'amministrazione comunale che, intenta in operazioni di grande peso economico, non riesce a vedere (o forse vede fin troppo bene?) il significato politico e sociale di questo progetto: significato che sta nell'impegno individuale ed associativo nel costruire cultura dal basso, dal fornire servizi agli immigrati, ai consumatori, ai giovani ed ai cittadini in generale.  A questa amministrazione non interessa che ci sia, nel centro della città, un luogo dove si possa imparare l'italiano o lo sport dell'arrampicata, dove si tengano dibattiti e si presentino libri, dove abbiano una sede le strutture locali di organizzazioni non governative nazionali o internazionali come Emergency, Un ponte per, LIPU..., dove convivono 31 associazioni che operano quotidianamente nella città. Questa amministrazione ha ben altri interessi!

Il PCL sostiene il diritto dei cittadini di avere spazi pubblici che permettano a ciascuno di essere attore della vita politica e culturale della città ed invita tutta la cittadinanza, le associazioni,  i sindacati, i partiti ad essere presenti sabato mattina a difendere il Progetto Rebeldìa dalla pubblica repressione.

Nessun commento:

Posta un commento