sabato, novembre 20, 2010

DURA REPRESSIONE POLIZIESCA CONTRO I COMPAGNI DELL'EEK

Il 17 novembre 2010, si è svolta ad Atene e nelle principali città in tutta la Grecia una delle più grandi manifestazioni mai viste prima nel corso di decenni, in commemorazione della rivolta del 1973 del Politecnico contro la dittatura militare.
(Il nostro partito EEK, ad Atene ha avuto un forte presenza di ben 500 militanti e presenze più piccole in altre città principali).
Le parole d' ordine del corteo erano dirette direttamente contro il governo, il FMI, l'Unione europea e i loro programmi anti popolari di tagli di posti ai lavoro, ai salari, alle pensioni .
E' stata una mobilitazione enorme nonostante il maltempo e ha confutato la tesi secondo cui l'astensione senza precedenti (60-70%) nelle recenti elezioni regionali del 7 uno d 14 novembre 2010 rifletteva la "passività" o una "sottomissione" o anche un "voto di fiducia al governo" come Papandreou e il capo de FMI Dominique Strauss-Kahn avevano pomposamente annunciato.
Il governo del PASOK è sicuramente un governo in minoranza. Anche la destra della borghesia all' opposizione crede nella sua caduta. Entrambi hanno in comune solo un 15-20% del voto totale nazionale. C'è una crisi di regime, mentre i nuovi attacchi alla classe operaia sono inseriti nel nuovo bilancio, seguendo i diktat della UE, l'FMI e del capitalismo nel suo complesso.

 In questa situazione di estrema destabilizzazione politica, la repressione di stato diventa ancora più crudele.

Il 15 novembre, primo giorno della celebrazione della rivolta del Politecnico, la polizia ha attaccato il contingente del EEK, al termine di una marcia di sindacati indipendenti e le organizzazioni degli studenti di sinistra , ferendo gravemente una ragazza cittadina degli Stati Uniti
(foto 1).

Il 17 novembre, senza alcun pretesto la repressione poliziesca e stata selvaggia contro tutte le manifestazioni di massa ad Atene, Patrasso , Tessalonica, colpendo specialmente nuovamente EEK, e anche alcuni gruppi libertari. Un membro di spicco della EEK, CDE Michalis Barbaressos, è stato arrestato prima della manifestazione iniziasse. Altri due membri del nostro partito sono stati arrestati durante l'attacco dei reparti antisommossa contro il EEK a poche centinaia di metri dall'Ambasciata degli Stati Uniti. Decine di compagni sono stati colpiti, tra cui il consigliere rieletto a Dafni / Ymettus e membro del C.C. del EEK cde Giorgos Mitrovghenis così come il figlio di 12 anni di un nostro compagno. Ciò nonostante non ci siamo dispersi e abbiamo respinto l'attacco continuato la marcia fino all'ambasciata americana, dove abbiamo cantato l'Internazionale per la Quarta Internazionale e gridato slogan contro l'imperialismo, il FMI, l'Unione europea, il governo capitalista.


Savas, 18/11/10

Nessun commento:

Posta un commento