mercoledì, settembre 22, 2010

OCCUPARE GLI STABILIMENTI FINCANTIERI. IL PCL DAVANTI AI CANCELLI.

A dispetto delle minacce del Ministro Sacconi contro imprecisati “agitatori”, il Partito Comunista dei Lavoratori (PCL) si batte apertamente, tra i lavoratori, per la occupazione degli stabilimenti Fincantieri, contro il piano antioperaio annunciato dall’azienda e coperto dal Governo. Con questa proposta interverrà da domani- con le sue sezioni territoriali- presso gli stabilimenti di Riva Trigoso, Sestri Ponente, Ancona, Castellamare, Palermo. Sul piano Fincantieri non c’è nulla da “trattare”. Non possono essere i lavoratori a pagare la crisi della cantieristica e la nuova competizione mondiale. L’occupazione  degli stabilimenti è l’unica azione capace di difendere il posto di lavoro e la dignità degli operai: perché la forza è l’unico linguaggio che padronato e governo possono intendere. L’unica via per ottenere risultati.  Proponiamo dunque alle organizzazioni sindacali, a partire dalla Fiom, di raccogliere sino in fondo la spinta di lotta che sale tra i lavoratori, organizzando l’azione di occupazione in tutta Italia.

Nessun commento:

Posta un commento