lunedì, luglio 05, 2010

La lotta continua in Grecia

Cronaca della lotta dei lavoratori contro la manovra del governo greco

Il sesto sciopero generale in sei mesi si è svolto in Grecia, contestando le misure durissime imposte contro il popolo greco da parte dell'Unione europea, il FMI e il governo Papandreou "socialista".
La ragione immediata per il nuovo sciopero è stato il nuovo disegno di legge che vuole distruggere i diritti pensionistici e rapporti di lavoro che esistono da decenni.
Papandreou teme che i deputati del PASOK non votino il disegno di legge in parlamento e minaccia di indire le elezioni anticipate.
Lo sciopero generale è stato indetto dal GSEE (Confederazione del lavoro del settore) e ADEDY (Federazione Nazionale dei dipendenti pubblici), seguiti anche da GSVE, la Federazione dei piccoli commercianti e artigiani. Pame, l'organizzazione sindacale del Partito comunista di Grecia, che aveva già organizzato uno sciopero il 23 giugno, si è unito allo sciopero generale, ma ha organizzato, come sempre, una manifestazione separata a piazza Syntagma.
GSEE ha indetto una manifestazione di fronte alla sua sede di Pedion tou Areos ( Campo di Marte ) con i suoi militanti mentre i sindacati di classe, e le organizzazioni di sinistra erano riuniti vicino di fronte al Museo Nazionale.

Tra questi movimenti era presente il movimento popolare "Noi non paghiamo il pedaggio! Non paghiamo il FMI!" nonché un forte concentramento di persone in trattamento medico di tossicodipendenze del dipartimento dell 'Ospedale Psichiatrico di Attica che lottano per i loro diritti e contro la repressione e l’ internamento da parte dello Stato ed ex-tossicodipendenti che hanno completato con successo il loro trattamento.
Circa 30.000 persone hanno partecipato alla marcia ad Atene. Cortei simili sono state organizzati nelle principali città del paese. La partecipazione allo sciopero stesso è stata molto alta (90-100 per cento.). Ma la frustrazione è molto forte tra la classe operaia quando la burocrazia sindacale tenta di disinnescare la rabbia sociale con sole 24 ore articolate di lotta, ovviamente inefficaci di fronte alla sfida poste dalla UE / FMI / troika BCE e il loro governo di Atene.

La richiesta di uno sciopero ad oltranza, inizialmente lanciata dal EEK, è diventata sempre più popolare, e gridata da molti spezzoni del corteo.
Quando la marcia ad Atene era nella sua fase conclusiva,lo spezzone del corteo dell’ EEK e quello del movimento contro i pedaggi nelle autostrade privatizzate sono stati attaccati dai reparti anti-sommossa della polizia e 14 giovani sono stati arrestati.
Quando un medico ha protestato verso gli agenti per un ragazzo che è stato arrestato senza alcuna ragione,i poliziotti hanno risposto con questa motivazione:

"era un membro del servizio d'ordine del EEK"!

Domani questi compagni saranno giudicati.
Nessuna repressione ci può intimidire! Nessuna burocrazia può fermare la rabbia della classe operaia!

La lotta continua:
Per cacciare il FMI e l'UE !
Per cancellare tutto il debito degli usurai internazionali !
Per la nazionalizzazione delle banche, senza indennizzo e sotto controllo dei lavoratori per il potere ai lavoratori ' !
Per la sconfitta della UE imperialista e l'unificazione socialista d'Europa.



Michael Savas . (EEK)


MENTRE SCRIVIAMO APPRENDIAMO CHE PER IL GIORNO 8 LUGLIO CI SARA' UN ALTRO SCIOPERO GENERALE NAZIONALE DI 24 ORE IN GRECIA .

Nessun commento:

Posta un commento