mercoledì, aprile 06, 2016

Attenzione alle inezie

Di Lev Trotsky, ottobre 1921


Il testo "Attenzione alle inezie", fa parte di una serie di interventi di Trotsky scritti agli inizi degli anni '20 in cui il rivoluzionario si interroga sul ruolo dell'individuo all'interno del processo di transizione verso il socialismo. In questo testo in particolare viene espressa una concezione della disciplina – militare, "quotidiana" e di partito – che di fatto si fonde con la concezione contemporanea della "cura" e del “prendersi cura di”: l'attenzione ai dettagli, agli oggetti e agli spazi privati e comuni diventano il terreno del riconoscimento dell'altro e del suo lavoro, dunque del suo esserci come parte del mondo; ma diventano anche lo strumento di emancipazione e responsabilizzazione del soggetto stesso, chiamato a prendere parte in prima persona del cambiamento, a farsi esso stesso cambiamento. È in questo senso che Trotsky critica e combatte aspramente il “burocratismo”, che lui definisce come «concentrazione sulla vuota forma, a spese, contemporaneamente, del contenuto e delle attività»; la sua è una lotta continua per l'affermazione dell'umanità sulla barbarie. Inoltre questo testo tocca un altro nodo importantissimo, ossia la battaglia contro gli sprechi e la conseguente educazione alla sobrietà.


L'economia è in rovina e va ricostruita. Il processo economico è il prodotto composito di tanti elementi e di innumerevoli dettagli, particolari e inezie. La ricostruzione dell'economia è possibile solo se concentriamo la massima attenzione su tali inezie. Questo noi non l'abbiamo fatto, o, al massimo, l'abbiamo fatto troppo poco. Il compito essenziale dell'educazione in ambito economico è quello di risvegliare, stimolare e acuire l'attenzione su questi bisogni particolari, banali e quotidiani dell'economia. Non lasciatevi sfuggire niente; prendete nota di tutto; fate i passi appropriati nel momento appropriato ed esigete che gli altri facciano lo stesso. Questo è il compito che abbiamo di fronte in tutti i campi della nostra attività di governo e del nostro lavoro in economia.

Rifornire l'esercito di stivali e uniformi nelle attuali condizioni dell'industria non è un compito semplice. Il nostro apparato di distribuzione è spesso soggetto a lunghi ritardi. Allo stesso tempo non vediamo pressoché nessuna attenzione o interesse per la conservazione delle uniformi e degli stivali esistenti o per la loro tempestiva riparazione. Difficilmente i nostri stivali vengono regolarmente lucidati. Quando chiedi perché, ricevi le più svariate risposte: a volte non c'è la cera per gli stivali; a volte non era stata consegnata in tempo; a volte gli stivali sono marroni e la cera è nera; e così via. Ma la ragione principale è l'assenza di un atteggiamento metodico verso le cose da parte sia dei soldati di truppa dell'armata rossa, sia degli ufficiali di comando e dei commissari.

Gli stivali non lucidati, particolarmente quando si bagnano, si asciugano dopo settimane e si logorano. La fabbrica rimane indietro e inizia a fare cuciture scadenti. I nuovi stivali si consumano prima del solito. Questo è un circolo vizioso. Ma una soluzione c'è ed è veramente semplice: gli stivali devono essere regolarmente lucidati, devono essere opportunamente allacciati, o altrimenti si sformeranno e si squarceranno o si consumeranno prima. Molto spesso noi roviniamo un buono stivale americano semplicemente perché non abbiamo dei lacci adatti. È possibile averli solo se continui a insistere; e se non ci sono i lacci, è perché nessuno sta prestando attenzione a tali inezie economiche. Ma è a partire da tali inezie che il tutto è stato creato.

Le inezie, accumulandosi e sommandosi, possono costruire o distruggere qualcosa di grande. Piccoli danneggiamenti di una strada lastricata, se non riparati in tempo, si ingrandiscono; piccoli buchi diventano solchi o fossati profondi. Essi rendono più difficoltosi i viaggi sulle strade. Causano danni ai carri, sfasciano automobili e camion e rovinano gli pneumatici. Una strada in cattive condizioni fa aumentare di dieci volte le spese rispetto al costo della sua riparazione. È proprio in questo modo che dettagli insignificanti causano la distruzione dei macchinari, stabilimenti industriali e case. Per conservarli c'è bisogno di un'attenzione instancabile e quotidiana per le inezie e per i dettagli. A noi manca questa vigilanza attiva perché manca l'economia appropriata e la formazione culturale. È necessario avere un'idea molto chiara di questo, che è il nostro principale difetto.

Frequentemente noi confondiamo l'interesse per i dettagli e per le inezie con il burocratismo. Fare questo è un enorme e grossolano errore. Il burocratismo è concentrazione sulla vuota forma, a spese, contemporaneamente, del contenuto e delle attività. Il burocratismo sguazza nel formalismo, nella pignoleria, ma non nei dettagli concreti. Al contrario il burocratismo abitualmente scansa i dettagli delle attività, quelle questioni di cui le attività stesse sono composte, ansioso solo di vedere che i conti tornino sulla carta.

La regola di non sputare o di non gettare i mozziconi di sigaretta nei corridoi o sulle scale pubbliche è un'«inezia», una piccola regola. Tuttavia, ha un grande rilievo culturale ed economico. Una persona che sputa sul pavimento o sulle scale mentre passa è uno zoticone dissoluto. Non potremmo mai ravvivare l'economia sulla base di cose simili.

A qualcuno, ripeto, può sembrare che la continua attenzione su tali fatti sia da petulanti, sia «burocratismo». Il negligente e il dissoluto amano nascondersi dietro la lotta contro il burocratismo. Dicono: «A chi interessa se i mozziconi di sigaretta vengono buttati sulle scale?». Questo atteggiamento è rivoltante. Buttare I mozziconi di sigaretta sul pavimento senza riguardo per la pulizia dimostra una mancanza di rispetto per il lavoro degli altri. Chi non ha rispetto per il lavoro degli altri non ha cura del suo stesso lavoro. Se vogliamo veramente sviluppare istituzioni basate sulla vita in comune, è imperativo che ogni uomo e ogni donna dedichino la massima attenzione all'ordine, alla pulizia e agli interessi della casa nel loro insieme. Altrimenti finiremo (come capita troppo frequentemente) con un lurido buco da pezzenti, piuttosto che con un'abitazione della comunità.

Dobbiamo ingaggiare una lotta instancabile e inflessibile contro tali trascuratezze e contro questa mancanza di cultura, con le parole e con i fatti, con la propaganda e con standard più alti, con l'esortazione e chiamando gli individui a rispondere del proprio comportamento. Coloro che tacitamente tollerano cose come sputare sulle scale o lasciare un cortile o una casa come un porcile sono cattivi cittadini e indegni costruttori della nuova società.

Nell'esercito tutte le caratteristiche positive e negative della vita nazionale sono concentrate nella maniera più vivida. Questo, inoltre, è vero anche in relazione al problema di educare le persone a essere parsimoniose. Questo può essere fatto attraverso gli sforzi reciproci di tutti i principali elementi dell'esercito stesso, dall'alto al basso, con la cooperazione degli elementi migliori tra gli operai e i contadini nel loro insieme.

Davanti a noi sta una battaglia importante: la lotta contro tutte le forme di negligenza, trascuratezza, indifferenza, imprecisione, incuria, mancanza di disciplina individuale, sperpero e spreco. Tutti questi sono solo gradi differenti e sfumature dello stesso male. Da una parte una mancanza di attenzione e dall'altra una sfrontatezza di bassa lega. Questo richiede una campagna estensiva, quotidiana, persistente, instancabile con tutti gli strumenti, come fu fatto nel caso della campagna contro la mentalità partigiana: agitazione, esempio, esortazione e punizione.

Il migliore dei piani, senza attenzione ai dettagli e ai particolari, è una mera perdita di tempo. Che valore ha, per esempio, il piano di battaglia più accuratamente esaminato se per trascuratezza arriva troppo tardi, o se viene copiato in modo sbagliato, o se viene letto con negligenza? Chiunque abbia ragione nei piccoli fatti avrà ragione anche in quelli grandi.










1 ottobre 1921

venerdì, marzo 18, 2016

La lotta per un linguaggio colto (Lev Davidovic Trotzkij, 1923)

Quella contro la volgarità non vuole essere solo una battaglia per la costruzione di un linguaggio "più inclusivo", ma rientra pienamente nella formazione rivoluzionaria e nel processo di costruzione di un nuovo mondo e di una nuova umanità; è dunque una battaglia di emancipazione, che delinea un processo di educazione tanto del sé quanto dell'altro. 
Trotsky intuisce e suggerisce in questo testo quello che poi diventerà uno degli slogan più potenti del femminismo odierno, e cioè che "il personale è politico"; ma il compagno Leone va ben oltre e inquadra questo principio nella prospettiva della rivoluzione permanente e della costruzione del comunismo.






Il linguaggio scurrile e la volgarità sono un lascito della schiavitù, dell’umiliazione e della mancanza di rispetto per la dignità umana, la propria e quella degli altri. Questo è in particolare il caso della scurrilità in Russia. La scurrilità russa tra le classi più basse era il risultato della disperazione, dell’amarezza, e soprattutto della schiavitù senza speranza e senza fuga. E la scurrilità delle classi più alte, quella che sgorga dalle gole della nobiltà, delle autorità, era il risultato delle regole di classe, dell’orgoglio degli schiavisti dal potere incrollabile.
La rivoluzione è prima di tutto un risveglio della personalità umana nelle masse, che si supponeva non avessero personalità. Malgrado la crudeltà occasionale e la crudele spietatezza dei suoi metodi, la rivoluzione è, innanzitutto e soprattutto, il risveglio dell’umanità, la sua marcia progressiva, ed è contraddistinta da un crescente rispetto per la dignità personale di ogni individuo e da un interesse costante-mente crescente per i deboli. Una rivoluzione non è degna del suo nome se, con tutti i mezzi e la forza a sua disposizione, non aiuta la donna a incamminarsi sulla strada del progresso individuale e sociale.
Una rivoluzione non è degna del suo nome se non si ha la massima cura possibile per i bambini, la futura generazione a beneficio della quale è stata fatta la rivoluzione. Come si può creare giorno dopo giorno, a piccoli passi, una nuova vita basata sulla mutua considerazione, sul rispetto, sulla vera uguaglianza delle donne, sulla cura efficiente dei bambini, in un’atmosfera avvelenata dalla fragorosa, rimbombante ed echeggiante scurrilità dei padroni e degli schiavi, quel bestemmiare che non risparmia nessuno e che non si ferma di fronte a niente? La lotta contro il «cattivo linguaggio» è una condizione della cultura intellettuale tanto quanto il combattere contro il sudiciume e i parassiti è una condizione della cultura del proprio corpo.
Finirla radicalmente con il linguaggio scurrile non è cosa semplice, considerando che il linguaggio sboccato ha radici psicologiche ed è un risultato degli ambienti incolti. Le abitudini psicologiche che si tramandano di generazione in generazione e impregnano l’atmosfera della vita sono veramente difficili da abbattere; d’altro canto da noi in Russia accade spesso che, fatto un violento slancio in avanti, si abusi delle nostre forze e poi si lascino andare le cose nel vecchio modo.
Come regola, che ovviamente ha delle eccezioni, gli uomini che usano un cattivo linguaggio disprezzano le donne e non hanno riguardo per i bambini. Questo non vale solo per le masse incolte, vale anche per la cosiddetta classe dirigente dell’attuale ordine sociale. E innegabile che, sei anni dopo l’Ottobre [la Rivoluzione d’ottobre del 1917, ndr], le vecchie forme prerivoluzionarie del linguaggio siano ancora in uso e siano quasi la moda più in voga. Quando fuori dalla città, in particolare da Mosca, i nostri dignitari considerano loro dovere usare un linguaggio forte, evidentemente pensano che ciò li metta a più stretto contatto con i contadini.
La nostra vita in Russia è fatta dei più sorprendenti contrasti, in economia come in tutto il resto. Nel centro più profondo del nostro paese, vicino a Mosca, ci sono migliaia di paludi, di strade impraticabili, e poco distante puoi inaspettatamente trovare una fabbrica che potrebbe impressionare un ingegnere americano o europeo per il suo equipaggiamento tecnologico. Contrasti simili abbondano nella nostra vita nazionale. Fianco a fianco a qualche vecchio tipo di profittatore ingordo e rapace, tornato in vita nell’attuale generazione, passato attraverso la rivoluzione e l’espropriazione, impegnato nel truffare e nell’arricchirsi in modo disonesto, mascherato e legalizzato, che presenta intatta, in ogni momento, la sua volgarità suburbana e la sua ingordigia, notiamo i migliori tipi di comunisti della classe operaia che dedicano le loro vite giorno per giorno agli interessi del proletariato mondiale e sono pronti a combattere in ogni momento possibile per la causa della rivoluzione in ogni paese, anche quello di cui, probabilmente, non sarebbero in grado di indicare la posizione geografica.
Oltre a questi contrasti sociali - l’ottusa bestialità e il più alto idealismo rivoluzionario - spesso assistiamo a contrasti psicologici in una stessa persona. Un uomo è un solido comunista devoto alla causa, ma le donne sono per lui solo «femmine», da non prendere in nessun senso seriamente. Oppure accade che un altro affidabile comunista, mentre discute di questioni nazionalistiche, cominci a parlare irrimediabilmente di argomenti reazionari. Per darci una spiegazione di questo dobbiamo ricordarci che parti diverse della coscienza umana non cambiano e non si sviluppano simultaneamente e su linee parallele. C’è una certa economia nel processo. La psicologia umana è particolarmente conservatrice per natura e il cambiamento dovuto alle domande e alla spinta della vita agisce in primo luogo su quelle parti della mente che ne sono direttamente coinvolte.
In Russia lo sviluppo sociale e politico degli ultimi decenni procedette in modo abbastanza inusuale, con sorprendenti passi da gigante, e questo dà una spiegazione della nostra attuale disorganizzazione e confusione, che non è solamente confinata all’economia e alla politica. Gli stessi inconvenienti sono manifesti nelle menti di molte persone, esprimendosi in una curiosa mescolanza di visioni politiche avanzate, ben ponderate e sentimenti, abitudini, per certi versi idee che sono una diretta eredità di ancestrali leggi interne. In generale la formula corretta per l’educazione e l’autoeducazione, soprattutto per il nostro partito, cominciando dall’alto, dovrebbe essere l’organizzare il fronte ideologico, cioè riplasmare tutte le aree della coscienza usando il metodo marxista. Ma qui ancora il problema è estremamente complicato e non può essere risolto solo dall’insegnamento scolastico e dai libri: le radici delle contraddizioni e delle incoerenze psicologiche risiedono nella disorganizzazione e nella confusione delle condizioni nelle quali vive la popolazione. La psicologia dopotutto è determinata dalla vita. Ma la dipendenza non è puramente meccanica e automatica: è attiva e reciproca. Di conseguenza il problema deve essere approcciato in molteplici modi diversi.
La battaglia contro il cattivo linguaggio è anche parte della lotta per la purezza, la chiarezza e la bellezza della lingua russa. Gli stupidi reazionari sostengono che la rivoluzione, se non l’ha completamente rovinata, causa un processo di deterioramento della lingua russa. In realtà c’è un’enorme quantità di parole in uso che sono state originate dal cambiamento, molte di esse sono espressioni provinciali perfettamente inutili, alcune contrarie allo spirito della nostra lingua. E malgrado tutto gli stupidi reazionari si stanno completamente sbagliando sul futuro della lingua russa, come su tutto il resto. Fuoriuscendo dallo sconvolgimento rivoluzionario, la nostra lingua verrà rafforzata, ringiovanita con un’accresciuta flessibilità e finezza. Il nostro linguaggio giornalistico prerivoluzionario, ovviamente burocraticamente ossificato e liberale, è già considerevolmente arricchito da nuove forme descrittive, da nuove espressioni più precise e dinamiche. Ma durante tutti questi anni burrascosi il nostro linguaggio è certamente diventato alquanto farraginoso e parte dei nostri progressi nella cultura dimostreranno, tra l’altro, la capacità di liberare il nostro linguaggio da tutte le parole e le espressioni inutili, e da quelle che non sono in armonia con lo spirito del linguaggio, mentre verranno preservate le indiscutibili e inestimabili acquisizioni linguistiche dell’epoca rivoluzionaria.
Il linguaggio è lo strumento del pensiero. La precisione e la correttezza del linguaggio sono condizioni indispensabili di un corretto e preciso pensare. Nel nostro paese la classe operaia è arrivata al potere per la prima volta nella storia. La classe operaia possiede una ricca quantità di esperienza di lavoro e di vita e un linguaggio basato su questo. Ma il nostro proletariato non ha avuto un sufficiente insegnamento scolastico per quanto riguarda il leggere e scrivere elementari, per non parlare dell’educazione letteraria. Questa è la ragione per cui l’attuale classe operaia al potere nonostante tutto non si è ancora levata con l’energia necessaria contro l’intrusione di nuove parole ed espressioni inutili, corrotte e a volte orribili.
Il linguaggio ha anche bisogno di igiene. E la classe operaia ha bisogno di una lingua sana non meno, ma un po’ di più delle altre classi: per la prima volta nella storia essa comincia a pensare in maniera indipendente sulla natura, sulla vita e sui suoi principi; e per pensare ha bisogno di un linguaggio chiaro e incisivo come strumento.


 Dalla “Pravda”, 16 maggio 1923 – ora in Leon Trotsky, La vita è bella, Chiare lettere, 2015

lunedì, marzo 07, 2016

SABATO 12 MARZO PRESIDIO CONTRO LA GUERRA DI FRONTE A CAMP DARBY


Il PCL aderisce e partecipa alle manifestazioni contro la guerra promosse per il 12 marzo, in continuità con le iniziative del 16 gennaio. Abbiamo lavorato sull'appello, chiedendo e ottenendo la rimozione di ogni passaggio che potesse sottintendere, fosse pure implicitamente, una posizione di tipo “campista” (di sostegno alla Russia di Putin, all'Iran e ad Assad). Perché una simile posizione avrebbe subordinato il movimento contro la guerra ad uno schieramento di potenze in guerra. Laddove è per noi fondamentale che il movimento contro la guerra si ponga in contrapposizione a tutti gli interessi imperialisti e a tutte le politiche di potenza, anche tra loro confliggenti, assumendo come unico riferimento le ragioni sociali e democratiche dei lavoratori e delle masse oppresse di ogni paese. 
L'impostazione ottenuta ha favorito l'allargamento del fronte promotore a soggetti che non avevano partecipato alle manifestazioni del 16 gennaio (come Sinistra Anticapitalista). Un allargamento unitario che consideriamo positivo. 
L'appello presenta ugualmente genericismi, e alcuni richiami da cui dissentiamo: come il riferimento ad un'Italia “neutrale” quale fattore di “pace”. L'Italia è un paese imperialista, tra paesi e potenze imperialiste. Nessun imperialismo può essere fattore di pace, quale che sia la sua collocazione diplomatica, perché si fonda sull'oppressione diretta o indiretta di altri popoli. Solo il rovesciamento dell'imperialismo, e dunque del capitalismo su cui si fonda, può liberare uno scenario di vera pace. Che è inseparabile dall'emancipazione e liberazione da ogni oppressione. 
Tuttavia, il limite pacifista dell'appello non cancella la sua valenza positiva e progressiva. Tanto più a fronte dei possibili preparativi di guerra in Libia, e della tragica continuità della macelleria siriana. Poniamo semmai l'esigenza di allargare il fronte della mobilitazione contro la guerra, fuori da ogni logica minoritaria, per trasformarlo in un fattore politico capace di incidere sullo scenario italiano. Per questo abbiamo proposto e proponiamo la ricerca attiva di una convergenza unitaria nella mobilitazione anche con forze e associazioni dell'"integralismo pacifista" (Zanotelli), così come con forze del movimento operaio e della sinistra, politica e sindacale. Per questo proponiamo comitati unitari contro la guerra che, nel rispetto delle diversità di posizioni e del loro confronto, siano capaci di aggregare in ogni territorio il fronte di mobilitazione più vasto. 
In ogni mobilitazione il PCL porterà il profilo complessivo della propria proposta indipendente: classista, internazionalista, socialista.

mercoledì, gennaio 20, 2016

Contro i licenziamenti politici: proseguire la lotta! Dalla DNA di Pontedera alle Officine Meccaniche Carraro di Padova: stessi nemici, stessa lotta.




La marcia indietro di DNA sui 4 licenziamenti esecutivi e sugli altri annunciati è sicuramente il frutto migliore della straordinaria mobilitazione che i lavoratori della DNA, insieme a quelli della Ceva e della Piaggio hanno messo in campo nei giorni scorsi, con scioperi e blocco dello stabilimento. Ma il licenziamento del compagno Sandro Giacomelli, delegato Cobas, rimane in piedi. Il ritiro dei 16 licenziamenti complessivi è un importante successo ma alla parola d'ordine "se toccano uno toccano tutti" si deve dare continuità con la lotta e non solo con la solidarietà.  Il fronte unico di lavoratori che si è mosso nei giorni scorsi è un valore da non disperdere ma anzi da rilanciare contro l'aggressione generalizzata del padrone.
I licenziamenti politici delle avanguardie nei luoghi di lavoro sono un obbiettivo strategico del padronato e della confindustria, ed è fondamentale che chi lotta per i lavoratori e le lavoratrici non ceda alla provocazione che vuole dividere i licenziamenti economici da quelli politici.

Il licenziamento del compagno Sandro è la conseguenza della sua attività sindacale e delle vertenze di cui è stato protagonista negli anni precedenti per la difesa dei contratti Full-Time e gli aumenti salariali. E' un caso analogo a quello del compagno Francesco Doro, membro del CC della Fiom e militante dell'area classista "Il sindacato è un'altra cosa - opposizione CGIL", licenziato dalle Officine Meccaniche Carraro col pretesto della crisi economica ma in realtà esclusivamente per la sua attività politica e sindacale dentro e fuori la fabbrica. 
In questa fase di feroce aggressione ai diritti e ai salari portata avanti dalla premiata ditta Governo Renzi e Confindustria segnata dal Jobs Act, dal testo unico sulla rappresentanza sindacale, dallo sfondamento del modello Marchionne nel pubblico impiego, la difesa delle avanguardie operaie e sindacali colpite è una parte cruciale della nostra battaglia.
In questo contesto non ci sono parole abbastanza negative per descrivere il comportamento di Landini e della burocrazia FIOM che invece di sostenere le avanguardie operaie e sindacali che tengono alta la testa e lo scontro, le combatte dal versante sindacale e fiacca la loro resistenza: come testimoniato dalla vicenda del compagno Destradis, delegato FIOM in FCA ed esponente de "Il sindacato è un'altra cosa - opposizione CGIL" che la burocrazia FIOM tenta di estromettere dal Comitato Centrale per la colpa di aver promosso scioperi e lotte contro gli straordinari comandati. Marchionne esige sabati e domeniche in fabbrica, estendendo lo sfruttamento di lavoratori e lavoratrici, per garantire continuità nella produzione e saturazione degli impianti. In questo modo, e solo in questo modo, spera di sviluppare un’azienda “drogata di capitale” (come lo stesso Marchionne la definisce), riducendo i debiti e distribuendo valore tra gli azionisti. 

Continuare la battaglia per il ritiro del licenziamento del compagno Sandro Giacomelli, di Francesco Doro e di tutte le altre avanguardie colpite dalla repressione padronale nei luoghi di lavoro è un dovere per il nostro partito e di tutte le forze sindacali e politiche che si pongono sul terreno della difesa degli interessi di classe, immediati e futuri; eliminare dai posti di lavoro i dirigenti delle lotte - nell'intento di cancellare le posizioni sindacali coerentemente intrasigenti - vuole dire colpire con maggiore facilità tutta la classe lavoratrice.



L’UNICA RISPOSTA CONCRETA ALLA DISOCCUPAZIONE ED AI LICENZIAMENTI È LA DISTRIBUZIONE DEL LAVORO TRA LAVORATORI E DISOCCUPATI, CON RIDUZIONE DELL’ORARIO DI LAVORO A PARITÀ DI PAGA. 

LE VERTENZE CI SONO E ATTRAVERSANO TUTTA ITALIA, IL PASSO NECESSARIO PER VINCERE E' L'UNIONE DI TUTTE LE LOTTE IN UN FRONTE UNICO CONTRO CONTRO IL GOVERNO RENZI, PER RIBALTARE I RAPPORTI DI FORZA E RESPINGERE L'AGGRESSIONE PADRONALE!

lunedì, gennaio 18, 2016

CONTRO I LICENZIAMENTI AL POLO LOGISTICO PIAGGIO

Da questa mattina un nutrito gruppo di operai della Ceva, della Piaggio e della DNA, insieme a militanti politici e sindacali, tra cui i compagni del PCL, hanno iniziato il picchettaggio del cancello del Polo Tecnologico per chiedere il ritiro delle lettere di licenziamento del delegato Cobas Sandro Giacomelli e di altri 4 operai.
La DNA, in appalto alla CEVA (di fatto magazzino Piaggio esternalizzato negli anni '90), ha annunciato un totale di 16 licenziamenti, a cui cercherà di arrivare attraverso lo strumento del licenziamento individuale. Il licenziamento del compagno Sandro Giacomelli, colpito da una sequela di pretestuosi provvedimenti disciplinari, va inquadrato nell'ambito della sua attività sindacale e di lotta per il salario e i diritti, culminata con gli scioperi che negli ultimi anni avevano permesso di difendere i contratti full-time e di ottenere aumenti salariali.
I padroni dicono che non c'è lavoro e per questo devono licenziare e per meglio far sentire la loro voce licenziano e colpiscono con provvedimenti disciplinari i lavoratori che svolgono attività sindacale e che si battono contro le politiche anti-operaie del padronato e dei suoi governi. Così è per il compagno Sandro Giacomelli della DNA, come per il compagno Doro, membro del CC della Fiom e animatore dell'area classista "Il sindacato è un'altra cosa - opposizione CGIL", licenziato dalle Officine Meccaniche Carraro col pretesto della crisi economica ma in realtà esclusivamente per la sua attività politica e sindacale dentro e fuori la fabbrica.
Sostenere la battaglia per il ritiro dei licenziamenti in DNA è un dovere per il nostro partito e di tutte le forze sindacali e politiche che si pongono sul terreno della difesa degli interessi di classe, immediati e futuri; eliminare dai posti di lavoro i dirigenti delle lotte - nell'intento di cancellare le posizioni sindacali coerentemente intrasigenti - vuole dire colpire con maggiore facilità tutta la classe lavoratrice.
I padroni dicono che non c'è lavoro ma questo NON E' VERO!
L’UNICA RISPOSTA CONCRETA ALLA DISOCCUPAZIONE ED AI LICENZIAMENTI È LA DISTRIBUZIONE DEL LAVORO TRA LAVORATORI E DISOCCUPATI, CON RIDUZIONE DELL’ORARIO DI LAVORO A PARITÀ DI PAGA.
LE VERTENZE CI SONO E ATTRAVERSANO TUTTA ITALIA, IL PASSO NECESSARIO PER VINCERE E' L'UNIONE DI TUTTE LE LOTTE IN UN FRONTE UNICO CONTRO CONTRO IL GOVERNO RENZI, PER RIBALTARE I RAPPORTI DI FORZA E RESPINGERE L'AGGRESSIONE PADRONALE!

giovedì, novembre 19, 2015

La loro morale e la nostra

Proponiamo uno dei testi più potenti ed appassionati scritti dal compagno Trotsky, pubblicato per la prima volta in russo sul fascicolo n. 68 - 69 del Bjulleten' Opposicij dell'agosto-settembre 1939, organo dei bolscevico-leninisti.  
Per l'autonomia della morale, contro stalinismi e opportunismi politici, liberi dalla melma delle prospettive parziali, trasformando ogni fine immediato in un mezzo per il fine successivo, a testa alta verso la "futura umanità", libera dall'abbrutimento dello sfruttamento e dalla divisione in classi sociali. Viva il comunismo e in culo ai gesuiti (che sono il leit motiv di questo testo)!



Evaporazione della morale

Nei periodi in cui la reazione trionfa, si vedono i signori democratici, socialdemocratici, anarchici e gli altri rappresentanti della sinistra, secernere moralità in dose doppia, così come gli individui traspirano più copiosamente quando hanno paura. Ripetendo a modo loro i dieci comandamenti o il discorso della montagna, tali moralisti si rivolgono meno alla reazione trionfante che ai rivoluzionari perseguitati, i cui «eccessi» e i principi «immorali» «fomentano» la reazione e le forniscono una giustificazione morale. Vi sarebbe tuttavia un mezzo elementare, ma sicuro, per evitare la reazione: lo sforzo interiore, la rinascita morale. Campioni di perfezione etica vengono distribuiti gratuitamente in ciascuna delle redazioni interessate. Codesta predicazione, tanto ampollosa quanto falsa, ha la sua base sociale di classe nella piccola borghesia intellettuale. La sua base politica sta nell’impotenza e nello smarrimento di fronte alla reazione. Base psicologica: il desiderio di ovviare alla propria inconsistenza mettendosi una barba posticcia da profeta. Il procedimento prediletto dal filisteo moralizzatore consiste nell’identificare i modi d’agire della rivoluzione e della reazione. Talune analogie formali ne garantiscono il successo. Lo zarismo e il bolscevismo divengono gemelli. E’ del pari possibile scoprire nel fascismo e nel comunismo due gemelli. Si può fare una lista dei caratteri comuni al cattolicesimo o al gesuitismo e al comunismo. Per parte loro, Hitler e Mussolini, avvalendosi di un metodo affatto simile, dimostrano che il liberalismo, la democrazia e il bolscevismo non sono che le diverse manifestazioni di uno stesso male. L’opinione che lo stalinismo e il trotskismo siano «in fondo identici» trova ormai la più vasta udienza. Essa fa concordi i liberali, i democratici, i pii cattolici, gli idealisti, i pragmatici, gli anarchici e i fascisti. Se gli staliniani non sono in grado di unirsi a quest’altro «Fronte popolare», ciò è dovuto a uno scherzo del caso: essi sono per l’appunto troppo occupati a sterminare i trotskisti.
Tali accostamenti e tali identificazioni sono essenzialmente contraddistinti dall’ignoranza completa dei fondamenti materiali propri alle varie tendenze, vale a dire della loro natura sociale e, per conseguenza, della loro funzione storica oggettiva. Le varie tendenze, vengono, per contro, valutate e classificate attenendosi a motivi esterni, secondari, e il più delle volte secondo il loro atteggiamento verso questo o quel principio astratto al quale il classificatore attribuisce professionalmente un significato particolare. Per il papa, i massoni, i darwiniani, i marxisti e gli anarchici sono affratellati al sacrilegio, in quanto che respingono tutti l’Immacolata Concezione. Per Hitler, il liberalismo e il marxismo, ignorando entrambi «il sangue e l’onore», sono gemelli. Gemelli per il democratico, il fascismo e il bolscevismo,poiché rifiutano d’inchinarsi al suffragio universale. Eccetera.
I tratti comuni alle tendenze così accostate sono innegabili. Ma lo sviluppo della specie umana non si esaurisce né col suffragio universale, né col «sangue e l’onore», né col dogma dell’Immacolata Concezione: questo è il punto. Il divenire storico è innanzitutto lotta di classe, e avviene che classi differenti impieghino, per fini differenti, mezzi analoghi. Gli eserciti belligeranti sono sempre più o meno simmetrici: se non ci fosse nulla di comune nella loro maniera di combattere, non potrebbero mai addivenire ad uno scontro diretto. Il contadino o il bottegaio incolto, qualora si trovi preso fra due fuochi, senza comprendere le cause e la portata della battaglia in corso fra il proletariato e la borghesia, considera le due parti in campo con eguale odio. Che cosa sono dunque tutti questi moralisti democratici? Gli ideologi degli strati intermedi capitati o timorosi di capitare fra due fuochi. I profeti di questo genere sono in particolare caratterizzati dal loro distacco nei confronti dei grandi moti della storia, dal conservatorismo retrogrado del loro pensiero, dalla contentezza d’essere mediocri e dalla più primitiva pusillanimità politica. I moralisti desiderano sopra ogni altra cosa che la storia li lasci in pace coi loro libri, le loro rivistine, i loro abbonati, il loro buon senso e le loro regole. Ma la storia non li lascia in pace. Ora da sinistra, ora da destra, essa gli fracassa le costole. Salta agli occhi: rivoluzione e reazione, zarismo e bolscevismo, stalinismo e trotskismo sono fratelli gemelli! Chi ne dubitasse, si degni di palpare, sul cranio dei moralisti, le loro bozze simmetriche di destra e di sinistra …
Amoralismo marxista e verità eterne.

Il rimprovero più frequente e più efficace che si muove «amoralismo» bolscevico trae la sua forza dalla pretesa regola gesuitica del bolscevismo: il fine giustifica i mezzi. A partire dalla quale facilmente si giunge a questa conclusione: i trotskisti, al pari di tutti i bolscevichi (o marxisti), negano i principi della morale, sicché non vi è alcuna differenza sostanziale fra trotskismo e stalinismo. Come volevasi dimostrare. Un ebdomadario americano, per conto suo non poco cinico e volgare, ha aperto una piccola inchiesta sulla morale del bolscevismo, destinata secondo l’usanza – a servire insieme la morale e la pubblicità. L’inimitabile Herbert Wells, la cui omerica sufficienza supera costantemente la pur straordinaria fantasia, si è affrettato a esprimere la sua solidarietà con gli snob reazionari del Common Sense. Ciò è nell’ordine delle cose. Ma quegli stessi che hanno risposto all’inchiesta prendendo le difese del bolscevismo non l’hanno fatto senza avanzare timide riserve. Certo i principi del bolscevismo sono cattivi, cionondimeno è possibile trovare fra i bolscevichi degli uomini eccellenti (Eastman). In verità, vi sono degli «amici» che sono più pericolosi dei nemici. Se vogliamo prendere sul serio quelli che ci censurano, dovremmo innanzitutto chiederci quali sono i loro principi privati di morale. Domanda che resterebbe è indubbio senza risposta… Ammettiamo pure che né il fine personale né il fine sociale possano giustificare i mezzi. In tal caso, occorrerebbe cercare altri criteri al di fuori della società, quale essa è fatta dalla storia, e dai fini suscitati dal suo stesso sviluppo. E dove? In cielo, se non in terra. I preti hanno scoperto da lungo tempo nella rivelazione divina i canoni infallibili della morale. I pretucoli laici sermoneggiano sulle verità eterne della moralesenza indicare qual è il loro riferimento originale. Siamo in diritto di concludere che se quelle verità sono eterne, esse sono anteriori all’apparizione del pitecantropo sulla terra e addirittura alla formazione del sistema solare. E allora, da dove vengono? La teoria della morale eterna non può fare a meno di Dio.
I moralisti di tipo anglosassone, nella misura in cui non si accontentano di un utilitarismo razionalista l’etica del contabile borghese – si presentano come i discepoli consci o inconsci del visconte di Shaftsbury, che all’inizio del XVIII sec. deduceva i giudizi morali da un senso particolare, il senso morale innato nell’uomo.
Posta al di sopra delle classi, la morale conduce inevitabilmente al riconoscimento di una sostanza particolare, di un senso morale assoluto che non è altro che timido pseudonimo filosofico di Dio. La morale indipendente dai «fini», vale a dire dalla società che la si deduca dalle verità eterne o dalla «natura umana, in fin dei conti non è che un aspetto della «teologia naturale». I cieli rimangono la sola posizione fortificata da cui si possa muover guerra al materialismo dialettico. Alla fine del secolo scorso, si formò in Russia tutta una scuola «marxista» che si proponeva di completare la dottrina di Marx, aggiungendovi un principio morale autonomo, superiore alle classi(Struve, Berdiaev, Bulgakov e altri …). I suoi fautori prendevano naturalmente le mosse da Kant e dal suo imperativo categorico. Come conclusero? Struve, al giorno d’oggi, è un ex ministro del barone Wrangele un buon figlio della Chiesa; Bulgakov è prete ortodosso; Berdiaev interpreta in parecchie lingue l’Apocalisse. Metamorfosi a prima vista tanto inattese non si spiegano con l’«anima slava», l’anima di Struve, essendo del resto germanica - ma con l’ampiezza della lotta sociale in Russia. L’orientamento sostanziale di tali metamorfosi è, in effetti, internazionale. In filosofia, l’idealismo classico, nella misura in cui tendeva a secolarizzare la morale, ossia a emanciparla dalla sanzione religiosa, costituì un immenso progresso (Hegel). Ma, strappata ai cieli, la morale aveva bisogno di radici terrestri. Trovare queste radici fu uno dei compiti del materialismo. Dopo Shaftbury, vi fu Darwin; dopo Hegel, Marx. Ai nostri giorni, invocare le «verità eterne» della morale significa voler far tornare indietro il pensiero umano. L’idealismo filosofico non è che una tappa: dalla religione al materialismo o, al contrario, dal materialismo alla religione.
«Il fine giustifica i mezzi»

L’ordine dei Gesuiti, fondato nella prima metà del XVI secolo per combattere il protestantesimo, non insegnò mai che «qualsiasi» mezzo, fosse pure criminoso dal punto di vista della morale cattolica, è ammissibile, purché serva al raggiungimento della meta, ossia al trionfo del cattolicesimo. Questa dottrina contraddittoria e psicologicamente inconcepibile, venne attribuita malignamente ai Gesuiti dai loro avversari protestanti e, talora, cattolici che, per quel che li riguardava, non stavano tanto a guardare per il sottile sulla scelta dei mezzi atti a raggiungere i «loro» fini. I teologi gesuiti, preoccupati, come quelli delle altre scuole, dal problema del libero arbitrio, insegnavano in realtà che un mezzo può essere indifferente in se stesso, ma che la giustificazione o la condanna di un dato mezzo dipende dalla sua finalità. Un colpo di fucile è in sé indifferenziato; rivolto a un cane idrofobo che minaccia un bambino, è una buona azione; tirato per uccidere o usare violenza, è un delitto. I teologi dell’ordine non volevano significare niente più che questi luoghi comuni. Quanto alla loro morale pratica, i Gesuiti formavano un’organizzazione militante, chiusa, rigorosamente centralizzata, aggressiva, pericolosa non soltanto per i suoi nemici, ma altresì per i suoi alleati. A motivo della loro psicologia e dei loro metodi d’azione, I Gesuiti dell’epoca si distinguevano dal curato ordinario come i guerrieri della Chiesa si distinguevano dai loro bottegai. Non abbiamo alcuna ragione di ideologizzare gli uni o gli altri, ma sarebbe assolutamente indegno il considerare il guerriero fanatico con gli occhi del bottegaio stupido e pigro. Restando nel campo delle comparazioni meramente formali o psicologiche, si può dire che i bolscevichi stanno ai democratici e ai socialdemocratici di qualsiasi sfumatura così come i Gesuiti stavano alla placida gerarchia ecclesiastica. A paragone dei marxisti rivoluzionari, i socialdemocratici e i socialisti di centro appaiono dei retrogradi o, paragonati ai medici, dei praticoni. Non c’è una questione che essi non abbiano indagato a fondo; essi credono al potere degli esorcismi e, scansando timorosamente le difficoltà, ne attendono il miracolo. Gli opportunisti sono i tranquilli rivenduglioli dell’idea socialista, mentre i bolscevichi ne sono i militanti convinti. Di qui, l’odio che li investe e la calunnia di cui li imbrattano quegli uomini che possiedono, in gran copia i loro stessi difetti condizionati dalla storia senza avere una sola delle loro qualità. La comparazione fra Gesuiti e bolscevichi permane quindi assai unilaterale e superficiale; essa appartiene più alla letteratura che alla storia. Secondo i caratteri e gli interessi delle classi che li appoggiavano, i Gesuiti rappresentavano la reazione, e i protestanti il progresso. I limiti di questo progresso, a loro volta, erano rivelati immediatamente dal verbo protestante. La dottrina del Cristo, restituita «alla sua purezza», non impedì affatto al borghese Luther di incitare allo sterminio dei contadini in rivolta, quei «cani arrabbiati». Il dottor Martin considerava visibilmente che «il fine giustifica i mezzi» prima chetale regola venisse attribuita ai Gesuiti. Per parte loro, i Gesuiti, rivaleggiando coi protestanti, s’adattarono a grado a grado allo spirito della società borghese e non conservarono dei loro tre voti di povertà, di castità e d’obbedienza che l’ultimo, in una forma d’altro canto considerevolmente attenuata. Dal punto di vista dell’ideale cristiano, la morale dei Gesuiti cadde tanto in basso che essi cessarono d’essere dei Gesuiti. I guerrieri della Chiesa ne divennero i burocrati e, come tutti i burocrati, dei furfanti matricolati.
Gesuitismo e utilitarismo

Questi cenni sommari dovrebbero far risaltare a sufficienza quanta ignoranza e quanta mediocrità occorrano per prendere sul serio l’opposizione al principio «gesuitico»: «il fine giustifica i mezzi», di un altro, ispirato da una morale più elevata, evidentemente, secondo il quale ciascun «mezzo» reca la sua brava etichetta morale, così come, nei grandi magazzini, le merci vendute a prezzo fisso. E’ sorprendente che il buon senso del filisteo anglosassone riesca a indignarsi del principio «gesuitico» pur ispirandosi all’utilitarismo, così caratteristico della filosofia inglese. Ora, il criterio di Bentham e di John Mill, «la più grande felicità possibile per il maggior numero possibile («the greatest possible happiness of the greatest possible number») significa appunto: i mezzi che servono al bene comune, fine supremo,sono morali. Di modo che la formula dell’utilitarismo anglosassone coincide perfettamente col principio «gesuitico» che il fine giustifica i mezzi. L’empirismo, è chiaro, trova la sua ragione d’essere quaggiù nello sciogliere la gente dall’obbligo di congiungere i due capi di un ragionamento. Herbert Spencer, il cui empirismo aveva beneficiato del vaccino contro il vaiolo, insegnava che l’evoluzione della morale parte dalle «sensazioni» e giunge alle «idee». Le sue sensazioni impongono il criterio «di un soddisfacimento futuro più durevole e più elevato». Il criterio morale, qui, è ancora quello del «piacere» o della «felicità», ma il contenuto ne è stato allargato e approfondito tramite il concetto d’evoluzione. Herbert Spencer in tal modo mostra, grazie ai metodi del suo utilitarismo «evoluzionista», che il principio «il fine giustifica i mezzi» non ha nulla d’immorale. Sarebbe nondimeno ingenuo aspettarsi che detto principio valga a far luce sulla questione pratica seguente: che cosa si può e che cosa non si può fare? Il fine che giustifica i mezzi provoca d’altronde la domanda: che cosa giustifica il fine? Nella vita pratica come nel moto della storia il fine e i mezzi cambiano incessantemente di posto. La macchina in costruzione è il «fine» della produzione, per divenire poi, una volta installata nell’officina, un «mezzo» di produzione. La democrazia, in talune epoche, è il «fine» perseguito nella lotta di classe. Di cui diviene in seguito il «mezzo». Senza avere nulla d’immorale, il principio attribuito ai gesuiti non risolve il problema morale.
L’utilitarismo «evoluzionista» di Spencer ci lascia parimenti senza risposta, a mezza strada, giacché egli tenta, seguendo Darwin, di riassorbire la morale concreta, storica, entro i bisogni biologici o gli«istinti sociali» propri alla vita animale gregaria, mentre la nozione stessa di morale nasce soltanto in un ambiente diviso dagli antagonismi sociali, vale a dire nella società divisa in classi. L’evoluzionismo borghese si ferma, colpito da impotenza, sulla soglia della società storica, non volendo ammettere che la lotta di classe sia la molla principale dell’evoluzione delle forme sociali. La morale non è che una delle funzioni ideologiche di tale lotta. La classe dominante impone i suoi fini alla società e l’abitua a considerare come immorali i mezzi che si oppongono a tali fini. Tale è la missione essenziale della morale ufficiale. Essa persegue lo scopo della «più grande felicità possibile» non del più grande numero, ma di una minoranza tuttavia decrescente. Un regime siffatto, fondato sulla sola costrizione, non durerebbe una settimana. Gli è indispensabile il cemento dell’etica. La fabbricazione di questo cemento tocca ai teorici e ai moralisti piccoloborghesi. Essi possono sciorinare tutti i colori dell’arcobaleno; tirate le somme, essi non sono che gli apostoli dello schiavismo e della sottomissione.
Sulle «regole obbligatorie della morale»

L’uomo che non voglia né tornare a Mosè, al Cristo o a Maometto, né contentarsi di un arlecchino eclettico, deve riconoscere che la morale è un prodotto dello sviluppo sociale; ch’essa non ha niente di invariabile; che serve agli interessi della società, che tali interessi sono contraddittori; che la morale ha,più di qualsiasi altra forma di ideologia, un carattere classista. Tuttavia, non esistono forse delle regole elementari di morale elaborate dal progredire dell’intera umanità e che sono necessarie alla vita dell’intera collettività? Certo, ve ne sono, ma la loro efficacia è alquanto instabile e ristretta. Le norme «imperative per tutti» sono tanto meno efficaci quando la lotta di classe si fa più aspra. La guerra civile, forma culminante della lotta di classe, abolisce violentemente qualsiasi legame morale fra le classi nemiche. Posto in condizioni «normali», l’uomo «normale» rispetta il comandamento: «Tu non ucciderai!».Ma se egli uccide nelle circostanze eccezionali della legittima difesa, la giuria lo proscioglie. Se, al contrario, egli cade vittima di un’aggressione, l’aggressore sarà ucciso per effetto di una sentenza. La necessità di una giustizia e della legittima difesa discende dall’antagonismo degli interessi. Per quel che concerne lo Stato, esso si limita in tempo di pace a fornire un crisma legale all’esecuzione di determinati individui per trasformare, in tempo di guerra, il «Tu non ucciderai!» in un comandamento diametralmente opposto. I governi più umanitari che «detestano» la guerra in tempo di pace fanno, in tempo di guerra, dello sterminio della frazione più vasta possibile dell’umanità, il dovere dei loro eserciti. Le regole «generalmente ammesse» della morale conservano il carattere algebrico, ossia indefinito, che è loro proprio. Esse esprimono soltanto il fatto che l’uomo, nel suo comportamento individuale, è legato da talune norme generali, in quanto egli appartiene alla società. L’«imperativo categorico» di Kant è la più alta generalizzazione di tali norme. Nonostante la posizione eminente che ha codesto imperativo nell’Olimpo filosofico, esso non ha nulla, assolutamente nulla di categorico, non avendo nulla di concreto. E’ una forma priva di contenuto.
La causa della vuotaggine delle forme obbligatorie per tutti è che, in qualsivoglia circostanza importante, gli uomini hanno un senso assai più immediato e profondo della loro appartenenza a una classe sociale piuttosto che alla «società». Le norme di morale «obbligatoria per tutti» ricevono in realtà un contenuto di classe, in altri termini: antagonistico. La norma morale è tanto più categorica in quanto essa è meno «obbligatoria per tutti». La solidarietà operaia, soprattutto durante gli scioperi o sulle barricate, è infinitamente più categorica della solidarietà umana in generale.
La borghesia, la cui coscienza di classe è assai superiore, per la sua pienezza e la sua intransigenza, a quella del proletariato, ha un interesse vitale a imporre la «sua» morale alle classi sfruttate. Le norme concrete del catechismo borghese vengono camuffate con l’aiuto di astrazioni morali poste esse stesse sotto l’egida della religione, della filosofia o di quel la cosa ibrida che vien detta «buon senso». L’invocazione rivolta alle norme astratte non è un errore disinteressato della filosofia, ma un elemento necessario nel meccanismo della lotta di classe. Mettere in luce quest’inganno, la cui tradizione risale a qualche millennio addietro, è il primo dovere del rivoluzionario proletario.
La crisi della morale democratica

Per assicurare il trionfo dei loro interessi nelle grandi questioni, le classi dominanti si vedono costrette a cedere qualcosa sulle questioni secondarie: fin tanto che, beninteso, queste concessioni rimangono vantaggiose. Al tempo della massima espansione del capitalismo e soprattutto negli ultimi decenni precedenti la guerra, queste concessioni, almeno al riguardo degli strati superiori del proletariato, furono affatto reali. L’industria era in pieno sviluppo. Il benessere delle nazioni civili – e in particolare delle loro masse operaie – andava crescendo. La democrazia sembrava incrollabile. Le organizzazioni operaie s’ingrandivano: e similmente le tendenze riformiste. I rapporti fra le classi si ammorbidivano, perlomeno esteriormente. Di conseguenza, nelle relazioni sociali, a fianco delle norme democratiche e delle abitudini connesse alla pace sociale, venivano a configurarsi delle regole elementari di morale. Si aveva l’impressione di vivere entro una società in procinto di divenire sempre più libera, giusta e umana. Il «buon senso» reputava infinita la curva ascendente del progresso.
Non l’ era; la guerra scoppiò, seguita da sconvolgimenti, crisi, catastrofi, epidemie, ritorni alla barbarie. La vita dell’umanità si trovò in un vicolo cieco. Gli antagonismi di classe, aggravandosi, vennero in piena luce. L’uno dopo l’altro, si videro saltare i meccanismi protettivi della democrazia. Le regole elementari della morale si rivelarono ancor più fragili delle istituzioni democratiche e delle illusioni riformiste. La menzogna, la calunnia la corruzione, la violenza, l’assassinio presero proporzioni inaudite. Gli spiriti semplici, confusi, credettero trattarsi delle conseguenze momentanee della guerra. Quei disordini erano e restano invece i sintomi del declino dell’imperialismo. La cancrena del capitalismo porta con sé quella della società moderna, diritto e morale compresi.
Il fascismo, nato dalla bancarotta della democrazia posta di fronte ai compiti assegnati dall’imperialismo, è una «sintesi» dei peggiori mali di quest’epoca. Resti di democrazia sopravvivono soltanto nelle aristocrazie capitalistiche più prospere: per ciascun «democrate» inglese, francese, belga, lavora un certo numero di schiavi coloniali; «sessanta famiglie» governano la democrazia negli Stati Uniti …
E le componenti del fascismo crescono rapidamente in tutte le democrazie. A sua volta, lo stalinismo è il prodotto di una pressione imperialistica su uno Stato operaio retrogrado e isolato; esso completa, quindi, pressoché simmetricamente, il fascismo.
Mentre i filistei idealisti – e in primo luogo, naturalmente, gli anarchici – denunciano infaticabilmente l’«amoralità» marxista, i trusts americani, stando a John Lewis, investono più di ottanta milioni di dollari all’anno per combattere la «demoralizzazione» rivoluzionaria, ossia in spese di spionaggio, corruzione di operai, imposture giudiziarie e omicidi. L’imperativo categorico segue talvolta, per attingere il suo trionfo, percorsi assai tortuosi! Notiamo, per scrupolo d’equità, che i più sinceri e allo stesso tempo i più gretti fra i moralisti piccoloborghesi vivono ancor oggi del ricordo idealizzato dello ieri e nella speranza di un ritorno a questo ieri. Essi non comprendono che la morale è in funzione della lotta di classe; che la morale democratica rispondeva ai bisogni del capitalismo liberale e progressista; che la lotta di classe accanita che domina la nuova epoca ha definitivamente, irrevocabilmente, distrutto questa morale; che la morale del fascismo, da una parte, e quella della rivoluzione proletaria, dall’altra, vi si sostituiscono in due maniere opposte.
Il «buon senso»

La democrazia e la morale «generalmente ammessa» non sono le sole vittime dell’imperialismo. Il buon senso «innato in tutti gli uomini» è la sua terza vittima. Questa forma inferiore dell’intelletto, necessaria in tutte le condizioni, è altresì sufficiente, in talune condizioni. Il capitale base del buon senso è composto di conclusioni elementari tratte dall’esperienza umana: Non mettere le dita nel fuoco, preferite la retta via, non disturbate i cani che dormono …, eccetera, eccetera. In un ambiente sociale stabile, il buon senso si rivela sufficiente per fare del commercio, curare degli ammalati, scrivere articoli, dirigere un sindacato, votare in parlamento, fondare una famiglia, crescere e moltiplicare. Ma non appena esso tenta di uscire dai suoi confini naturali per intervenire sul terreno delle generalizzazioni più complesse, si mostra per quel che è: il conglomerato dei pregiudizi d’una certa classe in una certa epoca. La pura e semplice crisi del capitalismo lo sconcerta; dinanzi alle catastrofi che sono le rivoluzioni, le controrivoluzioni e le guerre, il buon senso non è che un imbecille tondo tondo. Per penetrare i turbamenti «catastrofici» del corso «normale» delle cose, occorrono più alte qualità intellettuali, la cui espressione filosofica non è stata data, sin qui, che dal materialismo dialettico.
Max Eastman, che si sforza con successo di fornire al «buon senso» la più sedicente forma letteraria, si è fatto una professione della lotta contro la dialettica materialista. I truismi conservatori del buonsenso uniti al buon stile di Eastman costituirebbero, a quel che pare, la «scienza della rivoluzione». Venendo in soccorso degli snob reazionari del Common Sense , Max Eastman sdottoreggia, con inimitabile sicurezza, che se Trotsky invece di ispirarsi alla dottrina marxista, si fosse ispirato al buon senso … non avrebbe perduto il potere. La dialettica interiore che si è manifestata sin qui nelle fasi successive di ogni rivoluzione non esiste affatto per Eastman. Egli ritiene che la reazione succeda alla rivoluzione perché il buon senso non viene rispettato abbastanza. Eastman non comprende che Stalin s’è appunto trovato ad essere, nella storia, la «vittima» del buon senso, giacché il potere di cui egli dispone viene utilizzato per fini ostili al comunismo. Al contrario, la dottrina marxista ci ha permesso di romperla con la burocrazia termidoriana e di continuare a servire il socialismo internazionale.
Qualsiasi scienza – e ciò vale anche per la «scienza della rivoluzione»– è soggetta alla verifica sperimentale. Eastman, che sa come si conserva il potere rivoluzionario allorché la controrivoluzione si afferma nel mondo intero, deve sapere altrettanto bene come si può conquistare il potere. Sarebbe auspicabile ch’egli consentisse al fine a divulgare i suoi segreti. La soluzione migliore sarebbe ch’egli lo facesse fornendoci il programma di un partito rivoluzionario sotto il titolo «E’ possibile conquistare e conservare il potere?». Temiamo tuttavia che il buon senso, per l’appunto, vieti ad Eastman di lanciarsi in una impresa tanto rischiosa. E stavolta, il buon senso avrà ragione. La dottrina marxista, che Eastman, ahimè, non ha mai compreso, ci ha permesso di prevedere il Termidoro sovietico, ineluttabile in certe condizioni determinate dalla storia, e la sua lunga sequela di crimini. Il marxismo aveva annunciato con grande anticipo l’inevitabile crollo della democrazia borghese e della sua morale. In rivincita, i dottrinari del «buon senso» sono stati sorpresi dal fascismo e dallo stalinismo. Il buon senso procede per mezzo di grandezze invariabili in un mondo in cui di invariabile non c’è che la variabilità. La dialettica, al contrario, considera i fenomeni, le istituzioni, le norme nella loro formazione, nel loro sviluppo e nel loro declino. L’atteggiamento dialettico nei confronti della morale, prodotto funzionale e transitorio della lotta di classe, sembra «amorale» agli occhi del buon senso. E tuttavia, non vi è nulla di più duro, di più meschino, di più presuntuoso e cinico che la morale del buonsenso!
I moralisti e la GPU

Il pretesto alla crociata contro l’«amoralismo» bolscevico è stato fornito dai processi di Mosca. Ciononostante la crociata non ha avuto inizio sul momento, giacché i moralisti erano per la maggior parte amici del Cremlino. In quanto tali, si sforzarono durante un lungo periodo di celare la loro sorpresa e anzi di fingere che non fosse accaduto nulla.
I processi di Mosca non dipendono tuttavia dal caso. Il servilismo, l’ipocrisia, il culto ufficiale della menzogna, la compravendita delle coscienze e tutte le altre forme di corruzione fiorirono copiosamente a Mosca dopo il 1924-1925. Le future imposture giudiziarie venivano preparate alla luce del giorno. Gli avversari non mancarono. Gli «amici» non volevano avvedersi di nulla. Il che non sorprende: la maggior parte di quei signori era stata fondamentalmente ostile alla rivoluzione d’Ottobre e non si era avvicinata all’Unione Sovietica che a poco a poco, seguendone il processo di degenerazione termidoriana; la piccola borghesia occidentale riconobbe allora nella piccola borghesia orientale un’anima sorella.
Quegli uomini credettero veramente alle accuse di Mosca? Non vi credettero che i più inintelligenti. Gli altri non si diedero la pena di una verifica. Conveniva turbar e l’amicizia lusinghiera, confortevole e sovente proficua ch’essi avevano con le ambasciate sovietiche? D’altro canto – essi non lo dimenticano – l’imprudente verità poteva nuocere al prestigio dell’Unione Sovietica. Quegli uomini tennero celato il delitto basandosi su ragioni utilitarie e applicando così manifestamente la regola che il fine giustifica i mezzi.
Mister Pritt, consigliere di S.M. britannica, che aveva avuto l’occasione di gettare un’opportuna occhiata a Mosca, sotto la tunica della Temi staliniana, e aveva trovato che la sua biancheria intima era in ordine, risolse di sfidare la vergogna. Romain Rolland, di cui i contabili delle Edizioni sovietiche apprezzano forte l’autorità morale, s’affrettò a pubblicare uno dei suoi manifesti, ove il lirismo malinconico si mescola a un cinismo senile. La Lega francese dei Diritti dell’Uomo che condannava nel 1917 l’«amoralismo» di Lenin e di Trotsky – allorché rompemmo l’alleanza militare con la Francia – si premurò di coprire nel 1936 i delitti di Stalin, nell’interesse del patto franco-sovietico. Si vede che il fine patriottico giustifica tutti i mezzi. Negli Stati Uniti, «The Nation» e «The New Republic» chiusero gli occhi dinanzi alle imprese di Jagoda, l’«amicizia» con l’URSS essendo divenuta il pegno della loro stessa autorevolezza. Un anno fa appena, quei signori non dicevano ancora che lo stalinismo e il trotskismo sono identici. Essi erano apertamente con Stalin, per il suo spirito realistico, per la sua giustizia, per il suo Jagoda. Essi mantennero il loro atteggiamento il più a lungo possibile.
Fino all’uccisione di Tukacevskij, di Jakir e degli altri generali rossi, la grande borghesia dei paesi democratici osservò non senza soddisfazione, pur affettando una certa ripugnanza, lo sterminio dei rivoluzionari nell’URSS. A questo riguardo «The Nation» e «The New Republic» , per non parlare del Duranty, Louis Fischer, e altri pennivendoli prostituiti venivano pienamente incontro agli interessi dell’imperialismo «democratico». L’esecuzione dei generali mise in agitazione la borghesia, obbligandola a comprendere che la decomposizione pronunciata del regime poteva facilitare il compito a Hitler, a Mussolini, al Mikado. Il «New York Times» cominciò a rettificare, con prudenza ma tenacemente, il tiro del suo Duranty. «Le Temps» lasciò filtrare nelle sue colonne un debole lucore sulla situazione reale dell’URSS. Quanto ai moralisti e ai sicofanti piccolo borghesi, essi non furono mai altro che gli ausiliari delle classi capitaliste, Infine, allorché la Commissione John Dewey ebbe formulato la sua sentenza, divenne chiaro agli occhi di chiunque che difendere ancora apertamente la GPU significava rischiare una morte politica e morale. A partire da quel momento , gli «amici» decisero d’invocare le verità eterne de lla morale, in breve di ripiegare sulle loro trincee di seconda linea. Gli staliniani e i semi-staliniani atterriti non occupano l’ultimo posto frammezzo i moralisti. Mister H. Lyons visse in buona armonia per molti anni con la banda termidoriana e si considerò lui stesso come un quasi-bolscevico. Essendosi messo in urto col Cremlino – e c’importa mediocremente sapere perché – andò a sistemarsi in fretta e furia sopra le nuvole dell’idealismo. Liston Honk, ancora poco fa, godeva di un tal credito presso il Comintern che fu incaricato di dirigere la propaganda repubblicana in lingua inglese per la Spagna. Il che non gli impedì, una volta date le dimissioni, di abiurare persino i primi rudimenti del marxismo. Walter Krivtsky, essendosi rifiutato di tornare nell’URSS e avendo rotto con la GPU, passò immediatamente alla democrazia borghese. La metamorfosi del settuagenario Charles Rappoport sembra analoga. Gettato via il loro stalinismo, le persone di questa fatta – alquanto numerose – non possono fare a meno di cercare negli argomenti della morale astratta una compensazione per il loro disinganno o il loro avvilimento ideologico. Chiedete loro perché sono passati dal Comintern e dalla GPU alla borghesia. Hanno già pronta la risposta: «Il trotskismo non vale più dello stalinismo».
Disposizione delle pedine del gioco politico

«Il trotskismo è romanticismo rivoluzionario, lo stalinismo politica realista». Non v’è più traccia di questa piatta antinomia che ancora ieri serviva al filisteo medio per giustificare la sua amicizia verso il Termidoro e contro la rivoluzione. Lo stalinismo e il trotskismo non vengono più contrapposti, ma identificati. Nella forma e non nell’essenza. Battendo in ritirata fino al meridiano dell’«imperativo categorico», i democratici continuano in realtà a difendere la GPU, ma in modo più celato, più ingannevole. Chi calunnia le vittime collabora con il boia. In questo come in altri casi, la morale è asservita alla politica.
Il filisteo democratico e il burocrate staliniano, sono se non dei gemelli, almeno dei fratelli in ispirito. In politica, essi stanno, comunque, dalla stessa parte. Il sistema governativo della Francia è al giorno d’oggi fondato sulla collaborazione degli staliniani, dei socialisti e dei liberali; lo stesso in Spagna, dove si sono aggiunti gli anarchici. Se l’Independent Labour Party ha una così derelitta apparenza è perché, durante lunghi anni, non si è sottratto agli amplessi del Comintern. Il partito socialista francese ha espulso i trotskisti nel momento stesso in cui si preparava all’unità organica con gli staliniani. E se questa unità non si è realizzata, non è a causa di divergenze sui principi – cosa ne è rimasto? – ma perchégli arrivisti socialisti hanno avuto paura per i loro impieghi. Di ritorno dalla Spagna, Norman Thomas ha dichiarato che i trotskisti aiutavano «oggettivamente» Franco; e grazie a questa assurdità, Norman Thomas stesso ha procurato un aiuto oggettivo ai carnefici della GPU. Questo apostolo della causa espelleva dal suo partito i trotskisti nel preciso momento in cui la GPU fucilava i loro compagni nell’URSS e in Spagna. In molti paesi democratici gli staliniani penetravano, nonostante il loro «amoralismo», nei servizi dello Stato. Nei sindacati, convivono in buona armonia coi burocrati di qualsiasi altra tendenza. E’ vero che gli staliniani trattano con leggerezza il codice pena le, ciò che spaventa un po’, in tempi di calma, i loro amici «democratici»; per contro, nelle circostanze eccezionali, essi divengono più facilmente i capi della piccola borghesia ch’esso inducono a lottare contro il proletariato; come si è visto in Spagna.
La II Internazionale e la FSI di Amsterdam, naturalmente, non si sono assunte la responsabilità dei falsi, preferendo lasciarla al Comintern. Hanno taciuto. Nei colloqui privati, i loro rappresentanti spiegavano che dal punto di vista morale essi condannavano Stalin, ma che dal punto di vista politico, l’approvavano. Non fu che quando il Fronte Popolare francese ebbe rivelato irreparabili crepe, quando i socialisti dovettero pensare al domani, che Léon Blum ripescò, in fondo al sua calamaio, le indispensabili formule dell’indignazione morale.
Otto Bauer non biasimò con moderazione la giustizia di Visinskij che per poter sostenere con maggiore «imparzialità» la politica di Stalin. Il destino del socialismo, secondo una recente dichiarazione di Bauer, sarebbe legato a quello dell’URSS. «E il destino dell’URSS è quello dello stalinismo fin tanto che (!) lo sviluppo interno dell’URSS stessa non avrà superato la fase staliniana». Tutto Bauer, tutto l’austro-marxismo, tutta la falsità, tutto il marciume della socialdemocrazia possono essere rintracciati in questa magnifica frase! «Fin tanto che» la burocrazia staliniana è abbastanza forte da poter sterminare i più avanzati rappresentanti dello «sviluppo interno» dell’URSS, Bauer resta con Stalin. Quando le forze rivoluzionarie rovesceranno Stalin, contro la volontà di Bauer, Bauer riconoscerà generosamente – con una decina d’anni di ritardo, tuttalpiù – tale «sviluppo interno»!
Il Bureau di Londra dei socialisti di centro, riunendo felicemente in sé gli aspetti d’un asilo, di una scuola per adolescenti ritardati e di un ricovero per invalidi, procede al rimorchio delle vecchie Internazionali. Il suo segretario, Fenner Brockway, cominciò col dichiarare che l’inchiesta sui processi di Mosca avrebbe potuto «nuocere» all’URSS e propose invece di aprire un’inchiesta … sull’attività di Trotsky, costituendo una commissione «imparziale» nella quale fossero ammessi cinque avversari irreconciliabili di Trotsky, Brandler e Lovestone espressero pubblicamente la loro solidarietà con Jagoda; non indietreggiarono che davanti a Ejov; Jacob Walcher rifiutò, con un pretesto chiaramente falso, di fornire alla commissione John Dewey una testimonianza che non poteva essere che sfavorevole a Stalin. La putrida morale di questi uomini non è che il prodotto della loro putrida politica.
Ma la parte più trista tocca senza dubbio agli anarchici. Se lo stalinismo e il trotskismo sono identici, come essi affermano in ogni riga che scrivono, perché mai gli anarchici spagnoli aiutano gli staliniani a sgozzare i trotskisti e insieme quegli anarchici che sono rimasti rivoluzionari? I più franchi fra i teorici libertari rispondono che tale è il prezzo dei rifornimenti d’armi sovietiche. In breve, il fine giustifica i mezzi. Ma qual è il loro fine? L’anarchia? Il socialismo? No. La salvezza della democrazia borghese che ha aperto la strada al fascismo. A un fine basso corrispondono sporchi mezzi.
Tale è la disposizione effettiva delle pedine del gioco politico sullo scacchiere del mondo.
Lo stalinismo è un prodotto della vecchia società

La Russia ha compiuto il più grandioso balzo in avanti che la storia conosca: sono state le forze più progressiste del paese a fornire tale sforzo. Con l’odierna reazione, la cui ampiezza è proporzionata a quella della rivoluzione, l’inerzia prende la sua rivincita. Questa reazione s’incarna nello stalinismo. La barbarie della vecchia storia russa, risorta su nuove basi sociali, appare ancor più demoralizzante, in quanto fa ricorso ad un’ipocrisia quale la storia non ne conobbe d’eguali sin qui.
I liberali e i socialdemocratici dell’Occidente, in cui la rivoluzione d’Ottobre ispirò dubbi sulle proprie decrepite idee, si sono sentiti ritornare le forze. La cancrena morale della burocrazia sovietica sembrò loro rivalutare il liberalismo. Li si vede spacciare vecchi aforismi frusti di questo genere: «Ogni dittatura reca in se stessa i germi della propria dissoluzione»: «solo la democrazia assicura lo sviluppo della personalità», eccetera. L’opposizione della democrazia alla dittatura, implicando nel caso specifico la condanna del socialismo in nome del regime borghese, sorprende, qualora la si consideri sotto il profilo della teoria, per l’ignoranza e la cattiva fede di cui è il risultato. L’infezione dello stalinismo, realtà storica, viene posta a raffronto con la democrazia, astrazione sopra-storica. Tuttavia, la democrazia ha avuto una storia anch’essa, nel cui ambito non son mancati gli eventi abominevoli. Per definire la burocrazia sovietica, noi mutuiamo dalla storia della democrazia borghese i termini di «Termidoro» e di«bonapartismo», giacché – i dottrinari in ritardo ne prendano nota – la democrazia non si è affermata tramite metodi democratici, al contrario. Solo i pedanti possono accontentarsi dei ragionamenti sul bonapartismo «figlio legittimo» del giacobinismo, castigo storico per gli attentati alla democrazia, ecc.
Senza la distruzione della feudalità coi metodi giacobini, la democrazia borghese sarebbe stata inconcepibile. E’ altrettanto falso il contrapporre alle tappe storiche reali – giacobinismo, termidoro, bonapartismo – l’astrazione «democrazia» quanto il paragonare i dolori del parto alla calma del neonato. Neanche lo stalinismo è, per parte sua, una «dittatura» astratta; è una vasta reazione burocratica alla dittatura del proletariato in un paese retrogrado e isolato. La rivoluzione d’Ottobre ha abolito i privilegi, dichiarando guerra all’ineguaglianza sociale, sostituito alla burocrazia i l governo dei lavoratori per i lavoratori, soppresso la diplomazia segreta; si è sforzata di dare ai rapporti sociali una trasparenza completa. Lo stalinismo ha restaurato le forme più offensive del privilegio, ha impresso all’ineguaglianza un carattere provocante; ha soffocato, per mezzo del dispotismo poliziesco, l’attività spontanea delle masse; ha fatto dell’amministrazione un monopolio dell’oligarchia del Cremlino; ha reso la vita al feticismo del potere sotto tali e tanti aspetti che la monarchia assoluta neanche se li sarebbe immaginati.
La reazione sociale, quale che sia, è tenuta a mascherare i suoi fini autentici. Più il passaggio dalla rivoluzione alla reazione è brutale, più la reazione dipende dalle tradizioni della rivoluzione; in altri termini, più essa teme le masse e più è costretta a ricorrere alle menzogne e all’inganno nella sua lotta contro i fautori della rivoluzione. Le imposture staliniane non sono quindi il frutto dell’«amoralismo» bolscevico; come tutti gli avvenimenti rilevanti della storia, esse sono il prodotto della lotta sociale concreta, la più perfida e crudele che ci sia: quella di una nuova aristocrazia contro le masse che l’hanno condotta al potere.
In verità, è necessaria una totale indigenza intellettuale e morale per identificare la morale reazionaria e poliziesca dello stalinismo con la morale rivoluzionaria dei bolscevichi. Il partito di Lenin ha cessato di esistere da gran tempo, ormai; le difficoltà interne e l’imperialismo mondiale l’hanno fatto a pezzi. Gli è successa la burocrazia staliniana. La quale è un apparato di trasmissione dell’imperialismo. Nel campo della politica mondiale, la burocrazia ha sostituito la collaborazione fra le classi alla lotta di classe, il socialpatriottismo all’internazionalismo. Al fine di adattare il partito governante alle necessità della reazione, la burocrazia ne ha «rinnovato» il personale con lo sterminio dei rivoluzionari e il reclutamento degli arrivisti.
Qualsiasi reazione risuscita, alimenta, rinforza quegli elementi del passato storico che la rivoluzione ha colpito senza riuscire ad annientarli. I metodi staliniani portano a compimento, al più alto livello di tensione, e giungendo quasi all’assurdo, tutti quei procedimenti di menzogna, di crudeltà e l’abbrutimento che costituiscono il meccanismo del potere in qualsiasi civiltà divisa in classi, ivi compresa la democrazia. Lo stalinismo è un conglomerato delle mostruosità dello Stato quale la storia lo ha fatto; ne è inoltre la funesta caricatura e la ripugnante smorfia. Quando i rappresentanti della vecchia società oppongono sentenziosamente alla cancrena dello stalinismo un’astrazione democratica sterilizzata, noi abbiamo il diritto di raccomandar loro, come all’intera società del passato, di ammirare le proprie fattezze nello specchio deformante del vecchio Termidoro sovietico. E’ vero che, per l’evidenza dei suoi delitti, la GPU supera di gran lunga ogni altro regime. Ciò deriva dall’ampiezza grandiosa degli avvenimenti che hanno sconvolto la Russia nella demoralizzazione dell’era imperialista.
Morale e rivoluzione

Non mancano, fra i liberali e i radicali, coloro che, avendo assimilato i metodi materialistici dell’interpretazione degli avvenimenti, si considerano dei marxisti, il che non gli impedisce di rimanere dei giornalisti, dei professori o degli uomini politici borghesi. E’ sottinteso che non si può concepire un bolscevico senza metodo materialistico, in morale come altrove. Ma questo metodo non gli serve soltanto per interpretare gli avvenimenti, esso gli serve altresì a formare il partito rivoluzionario del proletariato, compito che non può essere eseguito se non grazie ad una completa indipendenza riguardo la borghesia e la sua morale. Ora, l’opinione pubblica borghese domina in realtà e pienamente il movimento operaio ufficiale, da William Green negli Stati Uniti a Garçia Oliver in Spagna passando per Léon Blum e Maurice Thorez in Francia. Il carattere reazionario del presente periodo trova la sua più profonda espressione in questo dato di fatto.
Il marxista rivoluzionario non saprebbe accingersi alla sua storica incombenza senza prima aver rotto moralmente con l’opinione pubblica della borghesia e dei suoi agenti in seno al proletariato. Codesta rottura esige un coraggio morale d’un altro calibro che non quel lo delle persone che vanno gridando nelle riunioni pubbliche: «Abbasso Hitler, abbasso Franco!». Ed è appunto questa rottura decisiva, profondamente meditata, irrevocabile, dei bolscevichi con la morale conservatrice della grande e anche della piccola borghesia, che provoca un terrore mortale nei parolai della democrazia, nei profeti da salotto, negli eroi di second’ordine. Di qui, le loro lamentazioni sopra l’«amoralismo» dei bolscevichi.
La loro maniera di identificare la morale borghese con la morale «in genere» si verifica indubbiamente in modo più vistoso all’estrema sinistra della piccola borghesia, e più precisamente nei partiti centristi del Bureau Socialista Internazionale, soprannominato di Londra. Questa organizzazione «accetta» il programma della rivoluzione proletaria, sì che le nostre differenze d’opinione sembrerebbero a prima vista secondarie. In verità, la sua accettazione del programma rivoluzionario è priva di valore in quanto non la impegna a fare alcunché. I centristi «accettano» la rivoluzione proletaria così come i kantiani l’imperativo categorico, ossia quasi fosse un principio sacro inapplicabile nell’esistenza quotidiana.
Nella pratica politica, essi s’alleano ai peggiori nemici della rivoluzione, riformisti e staliniani, contro di noi. Il loro pensiero è compenetrato di doppiezza e di ipocrisia. Se essi non si spingono, in linea di massima, fino a sporcarsi di delitti esecrandi, lo si deve al fatto che son confinati sullo sfondo della scena politica; essi sono, in qualche modo, i borsaioli della storia, e questo è il motivo per cui si credono chiamati a fornire il movimento operaio di una nuova morale.
All’estrema sinistra di questa confraternita «progressista» si trova un piccolo gruppo, politicamente affatto insignificante, di emigrati tedeschi, che pubblica la rivista «Neuer Weg»; curviamoci un po’ più giù e prestiamo orecchio ai discorsi di questi detrattori «rivoluzionari» dell’amoralismo bolscevico. La «Neuer Weg», adottando il tono di un elogio a doppio senso, scrive che i bolscevichi si distinguono vantaggiosamente dagli altri partiti in questo, che non soffrono d’ipocrisie: essi proclamano a voce alta ciò che gli altri fanno in silenzio e, per esempio, applicano così il principio che «il fine giustifica i mezzi». Stando all’opinione della «Neuer Weg», questa regola «borghese» è incompatibile con un sano «movimento socialista». «La menzogna e quant’altro vi è di peggio sono mezzi consentiti nella lotta, come li reputava ancora Lenin». «Ancora» significa qui che Lenin non ebbe il tempo di ripulire questo suo errore poiché morì prima che venisse scoperta «la nuova via». («Neuer Weg»).
Nell’espressione «la menzogna e quant’altro vi è di peggio», il secondo troncone della frase significa evidentemente: la violenza, l’assassinio, eccetera, giacché, tutte le altre cose equivalendosi, la violenza è peggio della menzogna e l’assassinio è la forma estrema della violenza. In tal modo, arriviamo alla conclusione che la menzogna, la violenza e l’assassinio sono incompatibili con un «sano movimento socialista». Ma che fare della rivoluzione? La guerra civile è la più crudele delle guerre. Essa è inconcepibile senza violenze esercitate su terze persone e, tenendo conto della tecnica moderna, senza uccisione di vecchi e di bambini. Dobbiamo ricordare la Spagna? La sola risposta che potrebbero darci gli«amici» della Spagna repubblicana sarebbe che la guerra civile è preferibile alla schiavitù fascista. Ma tale risposta, in sé giustissima, significa soltanto che il fine (democrazia o socialismo) giustifica, indeterminate circostanze «dei mezzi» quali la violenza e il massacro. Non c’è bisogno di parlare qui della menzogna! Una guerra senza menzogne è altrettanto inconcepibile d’un meccanismo non lubrificato. Al solo fine di proteggere le Cortes contro le bombe fasciste, il governo di Barcellona ingannò più volte scientemente i giornalisti e la popolazione. Poteva fare diversamente? Chi desidera il fine (vittoria su Franco) deve desiderare i mezzi (la guerra civile col suo corteggio di orrori e di crimini).
E tuttavia la menzogna e la violenza non sono forse da condannare in «se stesse»? Sicuro, da condannare insieme alla società, divisa in classi, che le genera. La società priva di antagonismi sociali sarà indiscutibilmente esente dalla menzogna e dalla violenza. Ma non si può edificare un ponte che adduca a essa senza dover ricorrere ai metodi della violenza. Anche la rivoluzione è il prodotto di una società divisa in classi, di cui porta, per forza di cose, il marchio. Dal punto di vista delle «verità eterne» la rivoluzione è naturalmente «immorale». Il che vale appena a renderci edotti che la morale idealista è controrivoluzionaria, ossia che è al servizio degli sfruttatori. «Ma la guerra civile» obietterà forse il filosofo,colto alla sprovvista «è una penosa eccezione. In tempo di pace, un sano movimento socialista deve rinunciare alla menzogna e alla violenza». Non si tratta che di un ridicolo scantonamento. Non esistono frontiere invalicabili fra la pacifica lotta di classe e la rivoluzione. Ogni sciopero contiene in germe tutti gli elementi della guerra civile. I due partiti in campo si sforzano vicendevolmente di esprimere un’idea esagerata del livello di decisione raggiunto e delle proprie risorse. Grazie alla loro stampa, ai loro agenti e alle loro spie, i capitalisti cercano d’intimidire e di scoraggiare gli scioperanti. Allorché la persuasione si rivela inoperante, i picchetti di sciopero sono, per parte loro, costretti a impiegare la forza. Risulta così chiaro che «la menzogna e quant’altro vi è di peggio» sono inseparabili dalla lotta di classe già quando questa è nella sua forma embrionale. Resta da aggiungere che le nozioni di verità e di menzogna sono nate dalle contraddizioni sociali.
La Rivoluzione e gli ostaggi

Stalin fa arrestare e fucilare i figli dei suoi avversari, fucilati a loro volta in base ad accuse false. Le famiglie gli servono da ostaggi per costringere quei diplomatici sovietici capaci di esprimere un dubbio sulla probità di Jacoda o di Ejov, a rimpatriare. I moralisti della «Neuer Weg», a questo proposito, credono sia dovere loro rammentare che Trotsky fece uso «anche lui» di una legge sugli ostaggi, nel 1919. Ma è meglio citare testualmente: «L’arresto di famiglie innocenti da parte di Stalin è di una barbarie rivoltante. Resta un’ azione barbara anche quando è Trotsky a ordinarla (1919)». Ecco la morale idealista dispiegata in tutta la sua bellezza! I suoi criteri sono altrettanto menzogneri delle norme della democrazia borghese: in ambedue i casi, si suppone l’uguaglianza là dove non c’è ombra di eguaglianza.
Non insistiamo qui sul fatto che il decreto del 1919 non portò assai probabilmente all’uccisione di nessuno fra i parenti degli ufficiali il cui tradimento ci costava innumerevoli vite e minacciava di spegnere la rivoluzione. In fondo, non è di ciò che si tratta. Se la rivoluzione avesse palesato fin da principio una minore inclinazione a un’ inutile generosità, migliaia di vite sarebbero state risparmiare. Come che sia, io mi assumo per intero la responsabilità del decreto del 1919. Fu una misura necessaria nella lotta contro gli oppressori. Quel decreto, come tutta la guerra civile, che potrebbe essere parimenti chiamata, e quanto a ragione, una «rivoltante barbarie», non ha altra giustificazione storica che non sia l’oggetto storico della lotta.
Lasciamo a un Emil Ludwuig e ai suoi la cura di fornirci tanti bei ritratti di Abraham Lincoln ornato di alucce rosee. L’importanza di Lincoln proviene dal fatto che, per attingere la grande meta storica fissata dallo sviluppo del giovane popolo americano, non indietreggiò dinanzi all’applicazione delle misure più rigorose, quando queste furono necessarie. Il problema non sta nel sapere quale fra i belligeranti subisce o infligge le perdite più gravi. La storia usa metri differenti per le crudeltà dei sudisti e dei nordisti nella guerra di secessione degli Stati Uniti. Che dei miserabili eunuchi non vengano a sostenere che lo schiavista che, con l’astuzia e la violenza, incatena uno schiavo è, di fronte alla morale, l’eguale dello schiavo che, con l’astuzia e la violenza , spezza le sue catene!
Quando la Comune di Parigi venne annegata nel sangue e la canaglia reazionaria del mondo si mise a strascicare la sua bandiera nel fango, vi furono numerosi filistei democratici che bollarono, di pari passo con la reazione, i Comunardi che avevano giustiziato ostaggi e fra essi l’arcivescovo di Parigi. Marx non esitò un istante a prendere le difese di quella sanguinosa azione della Comune. In una circolare del Consiglio Generale dell’Internazionale, Marx ricorda – e parrebbe quasi di percepire un sobbollio di lave sotto quelle righe – che la borghesia usò il sistema degli ostaggi nella lotta contro i popoli coloniali e nella lotta contro il suo stesso popolo. Parlando poi delle esecuzioni metodiche di Comunardi caduti prigionieri, egli scrive: «Non restava altro alla Comune, per difendere la vita dei suoi soldati fatti prigionieri, che ricorrere alla cattura di ostaggi, abituale presso i Prussiani. La vita degli ostaggi fu perduta e riperduta per il fatto che quelli di Versailles continuavano a fucilare i loro prigionieri. Come sarebbe stato possibile risparmiare gli ostaggi , dopo l’orribile carneficina con cui i pretoriani di Mac Mahon suggellarono la loro entrata in Parigi? L’ultimo contrappeso alla bestialità del governo borghese – la cattura di ostaggi – sarebbe stato volto in ridere?» Tale fu il linguaggio di Marx sull’esecuzione degli ostaggi, benché ci fossero, alle sue spalle , nel Consiglio Generale dell’Internazionale, un buon numero di Fenner Brockway e di Norman Thomas nonché vari Otto Bauer. L’indignazione del proletariato mondiale, davanti alle atrocità commesse dai versagliesi, era ancora così grande che i brogliacci reazionari preferirono tacere, in attesa di tempi migliori per loro: quei tempi, ahimè, non tardarono a venire. I moralisti piccoloborghesi alleati ai funzionari delle Trade Unions non presero a bersaglio la Prima Internazionale se non quando la reazione ebbe decisamente trionfato.
Quando la rivoluzione d’Ottobre resisteva alle forze riunite dell’imperialismo su un fronte di 8000 km, gli operai di tutti i paesi seguivano quella lotta con una simpatia così ardente che sarebbe stato rischioso denunciare ai loro occhi la cattura degli ostaggi come una «rivoltante barbarie». E’ occorsa la degenerazione totale dello Stato sovietico e il trionfo della reazione in diversi paesi perché i moralisti tornassero fuori dai loro buchi ... e andassero in aiuto di Stalin. Giacché, se le misure repressive adottate per difendere i privilegi della nuova aristocrazia hanno lo stesso valore morale delle misure rivoluzionarie prese nel corso della lotta liberatrice, Stalin viene a essere pienamente giustificato, a meno che … a meno che la rivoluzione proletaria non sia condannata in blocco. I signori moralisti, pur continuando a cercare esempi di immoralità nella guerra civile russa, sono costretti a chiudere gli occhi sul fatto che la guerra civile in Spagna ha ristabilito, a sua volta, la legge degli ostaggi, almeno nel periodo in cui vi fu un’autentica rivoluzione delle masse. Solo i detrattori non si sono ancora permessi di condannare la «rivoltante barbarie» degli operai spagnoli, è soltanto perché il suolo della penisola iberica scotta troppo per i loro piedi. Gli è molto più agevole tornare indietro al 1919. Si è già nella storia. I vecchi hanno avuto il tempo di dimenticare, i giovani non hanno avuto ancora quello di apprendere. Per la stessa ragione, i farisei di ogni tendenza tornano con tasta ostinazione su Kronstadt e Makhno: le secrezioni morali possono qui concedersi libero corso!
La morale dei Cafri

La storia imbocca sentieri crudeli, si deve convenirne coi moralisti. Ma quale conclusione trarre da ciò sul piano del l’attività pratica? Lev Trotsky raccomandava agli uomini d’essere più semplici e migliori. In mahatma Gandhi gli consigliò di bere latte di capra. Ahimè! I moralisti della «Neuer Weg» non sono poi troppo lontani da tali ricette. «Dobbiamo» essi predicano «liberarci di questa morale da Cafriper cui il male sta in quello che fa il nemico…». Ammirevole consiglio. «Dobbiamo liberarci...». Tolstoj raccomandava altresì di liberarsi dal peccato della carne. La statistica non ci indica certo che la sua propaganda abbia avuto successo. I nostri omuncoli centristi sono riusciti a elevarsi fino alle cime della morale superiore alle classi, restando in una società divisa in classi. Sono pressappoco duemila anni che qualcuno ha detto: «Amate i vostri nemici…». Nondimeno, lo stesso Santo Padre romano non si è liberato dall’odio verso i suoi nemici.
Il Diavolo, nemico del genere umano, è assai possente, in verità. L’applicare criteri differenti alle azioni degli sfruttatori e a quelle degli sfruttati equivarrebbe, secondo il parere di quei poveri omuncoli, a porsi al livello della «morale dei Cafri». Chiediamoci innanzitutto se spetta a dei «socialisti» professare un tale disprezzo dei Cafri. La morale dei Cafri è davvero tanto detestabile? Ecco che cosa ne dice l’Enciclopedia Britannica: «Nei loro rapporti sociali e politici, essi danno prova di intelligenza e di un notevole tatto; sono estremamente impavidi, bellicosi e ospitali: rimasero onesti e degni di fede fin tanto che la frequentazione coi bianchi non li rese sospettosi, vendicativi e predaci, e fin tanto che non ebbero inoltre assimilato la maggior parte dei vizi degli Europei». Non si può fare a meno di concludere che i missionari bianchi, predicatori della morale eterna, hanno contribuito alla corruzione dei Cafri.
Se si raccontasse a un lavoratore cafro che gli operai, essendosi sollevati in qualche punto del pianeta, hanno sorpreso i loro oppressori, egli se ne rallegrerebbe. Al contrario, sarebbe desolato di apprendere che gli oppressori sono riusciti a trarre in inganno gli oppressi. Il Cafro che i missionari non abbiano corrotto fino al midollo delle ossa non consentirà mai ad applicare le medesime norme di morale astratta agli oppressori e agli oppressi. Per contro, egli comprenderà benissimo, se glielo si spiega, che l’oggetto di quelle norme consiste precisamente nell’ostacolare la rivolta degli oppressi contro gli oppressori.
Coincidenza edificante: i missionari della «Neuer Weg» han dovuto, per calunniare i bolscevichi,calunniare nella stessa occasione i Cafri; in ambedue i casi, la calunnia segue il corso della menzogna borghese ufficiale: contro i rivoluzionari e contro le razze di colore. Noi preferiamo decisamente i Cafri a qualsiasi missionario, laico o religioso che sia!
Ma non sopravvalutiamo il grado di consapevolezza attinto dai moralisti della «Neuer Weg» e altre vie cieche; le loro intenzioni non sono poi così cattive. Esse servono da leve nell’ingranaggio della reazione, a prescindere dalla loro volontà. In un’ epoca come la nostra, in cui i partiti piccoloborghesi si aggrappano alla borghesia o alla sua ombra (politica dei Fronti Popolari), paralizzano il proletariato e aprono la strada al fascismo (Spagna, Francia …), i bolscevichi, ossia i marxisti rivoluzionari, divengono particolarmente odiosi all’opinione pubblica borghese. La più forte pressione politica dei nostri giorni viene esercitata da destra a sinistra. In definitiva, l’intero peso della reazione grava sulle spalle di una piccola minoranza rivoluzionaria. Questa minoranza rivoluzionaria si chiama Quarta Internazionale. Ecco il nemico!
Lo stalinismo occupa un cospicuo numero di posizioni dominanti nell’ingranaggio della reazione. In tal modo, o in altri, tutti i raggruppamenti della società borghese, anarchici compresi, ricorrono al suo aiuto contro la rivoluzione proletaria. Nel frattempo, i democratici piccoloborghesi tentano di far ricadere – almeno nella proporzione del 50% – l’odiosità dei crimini del loro alleato moscovita sull’irriducibile minoranza rivoluzionaria. Tale è il senso del detto ormai di moda : «Trotskismo e stalinismo sono identici». Gli avversari dei bolscevichi e dei Cafri aiutano così la reazione a coprire di calunnie il partito della rivoluzione.
L’«amoralismo» di Lenin

I socialisti rivoluzionari russi furono sempre uomini moralissimi; essi non erano, in fondo, che pura etica. Ciò non gli impedì di trarre in inganno i contadini durante la guerra. Uni di loro, Zenzinov, scrive sull’organo parigino di Kerenskij, di quel socialista etico che fu il precursore di Stalin nella fabbricazione di falsi contro i bolscevichi: «Com’è risaputo, Lenin insegnò che, per attingere il fine ch’essi si prefiggono, i bolscevichi possono e talvolta devono “far uso di certi stratagemmi. Del silenzio e del dissimulare la verità”». («Novaja Rossija», 17 febbraio 1938).
Per sfortuna, questo detrattore tanto morale non è nemmeno capace di fare onestamente una citazione. Lenin ha scritto: «Bisogna sapere consentire a tutto, a tutti i sacrifici e addirittura – in caso di necessità – far uso di vari stratagemmi, di astuzie, di procedimenti illegali, del silenzio, del dissimulare la verità per penetrare nei sindacati, installarvisi e proseguire a qualsiasi costo l’azione comunista». La necessità degli stratagemmi e delle astuzie, secondo la spiegazione di Lenin, proveniva dal fatto che la burocrazia riformista, consegnando gli operai al capitale, perseguitava i rivoluzionari e faceva anzi ricorso contro di loro alla polizia borghese. L’«astuzia» e il «dissimulare» la verità non sono nel caso specifico che i mezzi di una legittima difesa verso la perfidia della burocrazia riformista.
Il partito di Zenzinov combatté, un tempo, nell’illegalità, il vecchio regime e poi il bolscevismo. In entrambi i casi, egli usò dell’astuzia, degli stratagemmi, dei falsi passaporti e altre forme di «dissimulazione della verità». Tutti questi mezzi erano considerati da lui non soltanto morali ma addirittura eroici, in quanto corrispondevano ai fini della democrazia piccoloborghese. Ma la loro situazione cambia non appena i rivoluzionari proletari si vedono costretti a ricorrere ai mezzi della illegalità contro quella democrazia. La chiave dell’etica di quei signori è rintracciabile, come balza agli occhi, nel loro spirito di classe.
L’ «amoralista» Lenin raccomanda apertamente, alla luce del sole, di usare le astuzie di guerra nei riguardi dei leaders che tradiscono il movimento operaio. Il moralista Zenzinov mutila scientemente tale testo da ambo i lati, allo scopo di ingannare i suoi lettori. Il detrattore tanto morale non è – secondo la consuetudine – che un baro meschino. Lenin non aveva torto a ripetere che è terribilmente difficile incontrare un avversario in buona fede!
L’operaio che non cela al capitalista la «verità» sulle intenzioni degli scioperanti è un traditore bello e buono che merita solo disprezzo e boicottaggio. Il soldato che comunica la «verità» al nemico viene punito come spia. Lo stesso Kerenskij tentò fraudolentemente di accusare i bolscevichi di averecomunicato la «verità» a Ludendorff. Allora, la «santa verità» non sarebbe fine a se stessa? La dominano criteri imperativi che – lo dimostra l’analisi – scaturiscono dallo spirito di classe.
La lotta mortale non è concepibile senza astuzie di guerra, in altri termini senza menzogne e inganni. I proletari tedeschi possono forse fare a meno di ingannare la polizia di Hitler? I bolscevichi sovietici mancherebbero alla m orale ingannando la GPU? L’onesto borghese applaude l’abilità del poliziotto che riesce a catturare con l’astuzia un pericoloso gangster. E l’astuzia non dovrebbe esser lecita quando si trattasse di rovesciare i gangster dell’imperialismo?
Norman Thomas parla dello «strano amoralismo comunista che non tiene conto di nulla fuori che del partito e del suo potere». («that strange Communist amorality in wich nothing matters but the party and its power», «Socialist Call», 12 marzo 1938). Ciò facendo, Thomas confonde il Comintern odierno,vale a dire il complotto della burocrazia staliniana contro la classe operaia, col partito bolscevico che incarnava il complotto degli operai progressisti contro la borghesia. Noi abbiamo confutato sufficientemente più sopra questa identificazione del tutto disonesta. Lo stalinismo non fa che camuffarsi per mezzo del culto al partito; in realtà, esso distrugge il partito e lo trascina nel fango. E’ anche vero che il partito è tutto per il bolscevico. Questo atteggiamento del rivoluzionario verso la rivoluzione sorprende e respinge il socialista da salotto che non è a sua volta che un borghese provvisto di un «ideale» socialista.
Agli occhi di Norman Thomas e dei suoi simili, il partito non è che lo strumento di combinazioni elettorali e d’altro genere. La vita privata dell’uomo, le sue relazioni, i suoi interessi, la sua morale sono estranei al partito . N. Thomas considera con un’avversione mescolata di stupore il bolscevico per il quale il partito è lo strumento della trasformazione rivoluzionaria della società, morale compresa. Nel rivoluzionario marxista non ci potrebbe essere contraddizione fra la morale personale e gli interessi del partito, poiché il partito abbraccia, entro la sua coscienza, i compiti e i fini più alti dell’umanità. Dopo di che, sarebbe ingenuo credere che Mister Thomas abbia sulla morale delle nozioni più elevate che non quelle dei marxisti. Egli ha soltanto un’idea più bassa di quel che è il partito.
«Tutto ciò che nasce è degno di perire», dice il dialettico Hegel. La fine del partito bolscevico – episodio della reazione mondiale – non diminuisce affatto l’importanza di quel partito nella storia del mondo. All’epoca della sua ascesa rivoluzionaria, ossia allorché rappresentava realmente l’avanguardia proletaria, esso fu il partito più onesto della storia. Quando l’ha potuto, esso ha naturalmente tratto in inganno le classi avversarie; quindi, esso ha detto la verità ai lavoratori, tutta la verità, nient’altro che la verità. Unicamente grazie a questo fatto, ha conquistato la loro fiducia come nessun altro partito al mondo.
I tirapiedi delle classi dirigenti tacciano il creatore di tale partito di «immoralismo». Agli occhi degli operai consapevoli, questa accusa gli fa onore. Essa significa che Lenin rifiutava energicamente di ammettere le norme della morale stabilite dagli schiavisti per gli schiavi, e che gli schiavisti stessi non rispettarono mai; essa significa che Lenin invitava il proletariato a estendere la lotta di classe al dominio della morale. Colui che s’inchina davanti alle regole formulate dal nemico non vincerà mai!
L’«amoralismo» di Lenin, vale a dire il suo rifiuto di ammettere una morale superiore alle classi, non gli impedì di restare per tutta la vita fedele al medesimo ideale; di dedicarsi interamente alla causa degli oppressi; di mostrarsi altamente scrupoloso nella sfera delle idee e intrepido nell’azione; di non avere la minima altezzosità riguardo al «semplice operaio», alla donna indifesa e al bambino. Non vien fatto di pensare che amoralismo in questo caso sia il sinonimo di una morale umana più elevata?
Un episodio edificante

E’ senza dubbio utile dar qui notizia di un episodio che, benché di scarsa importanza in se stesso, illustra assai bene la differenza fra la «loro» morale e la «nostra». In una delle lettere ai miei amici belgi sviluppai l’idea, nel 1935, che un giovane partito rivoluzionario, qualora tentasse di creare dei «sindacati suoi propri» andrebbe incontro al suicidio. Bisogna cercare gli operai là dove essi sono. Ma ciò non significa doversi quotare per il mantenimento di un sindacato opportunista? Certo che sì, risposi io, il diritto di scalzare i riformisti, bisogna ben pagarglielo. Ma i riformisti non consentiranno di lasciarci fare un lavoro di scalzatura. Evidentemente, risposi ancora io, il lavoro di scalzatura esige talune precauzioni cospirative. I riformisti formano la polizia politica della borghesia in seno alla classe operaia. Bisogna saper agire senza il loro permesso e nonostante le loro interdizioni. Nel corso di una perquisizione effettuata presso il compagno D., in seguito, se non sbaglio, a una faccenda di fornitura di armi alla Spagna operaia, la polizia belga sequestrò la mia lettera. Pochi giorni dopo, la lettera veniva resa pubblica. La stampa di Vandervelde, de Man, Spaak non risparmiò le sue folgori al mio «machiavellismo» o «gesuitismo». Ma chi erano i miei censori? Presidente della II Internazionale da molti anni, Vandervelde era ormai da lungo tempo diventato l’uomo di fiducia del capitale in Belgio. De Man dopo aver per anni e anni impiegato volumi massicci per nobilitare il socialismo gratificandolo di una morale idealista e riaccostandosi di soppiatto alla religione, mise a profitto la prima occasione buona per turlupinare gli operai e diventare un ordinario ministro della borghesia. Per Spaak, la cosa è ancor più sorprendente. Diciotto mesi or sono, questo signore, appartenente all’opposizione socialista di sinistra, era venuto a chiedermi consiglio sui metodi di lotta da impiegare contro la burocrazia di Vandervelde. Io gli avevo esposto le idee che in seguito si ritrovarono nella mia lettera. Un anno più tardi, egli rinunciava alle spine per la rosa. Tradendo i suoi amici dell’opposizione, egli diventava uno dei ministri più cinici del capitale belga.
Nei sindacati e nel loro partito, questi signori soffocano qualsiasi critica, demoralizzano e corrompono i lavoratori più avanzati ed espellono altresì sistematicamente gli indocili. Essi non differiscono dalla GPU che per il fatto di procedere, al momento, senza effusione di sangue; nella loro qualità di buoni patrioti, essi tengono di scorta il sangue operaio per la prossima guerra mondiale. E’ chiaro: bisogna proprio essere un’emanazione dell’inferno, un «Cafro», un bolscevico, per dare agli operai rivoluzionari il consiglio di osservare nella lotta contro quei signori le regole della cospirazione!
Dal punto di vista della legalità belga, la mia lettera non conteneva alcunché di delittuoso. La polizia di un paese democratico sarebbe stata tenuta a restituirla al destinatario, con le sue scuse. La stampa del partito socialista avrebbe dovuto protestare contro una perquisizione provocata dalla tutela degli interessi del generale Franco. I signori socialisti non provarono il minimo imbarazzo a trar partito dall’indiscreto servizio fattogli dalla polizia; senza il quale non avrebbero avuto la fortunata occasione di manifestare una volta di più la superiorità della loro morale sull’amoralismo dei bolscevichi.
Tutto è simbolico, in questo episodio. I socialisti belgi mi hanno schiacciato sotto la loro indignazione nello stesso momento in cui i loro compagni di Norvegia ci tenevano, mia moglie e me, sotto catenaccio, perché non potessimo difenderci contro le accuse della GPU. Il governo norvegese sapeva benissimo che le accuse di Mosca erano fabbricate; l’organo ufficiale dei socialdemocratici lo scrisse a caratteri di scatola fin dai primi giorni. Ma Mosca colpì gli armatori e i mercanti di pesce norvegesi nel borsellino, e i signori socialdemocratici si buttarono subito carponi. Il capo del partito, Martin Tranmael, è più che un’autorità in fatto di morale, è un giusto: egli non beve né fuma, è vegetariano e d’inverno fa il bagno nell’acqua diaccia. Ciò non gli impedì, dopo averci fatto arrestare su ordine della GPU, di invi tare l’agente norvegese della GPU, Jacob Friese, borghese senza onore né coscienza, a calunniarmi in modo particolare. Ma basta.
La morale di quei signori consiste in regole convenzionali e in accorgimenti oratori destinati a coprire i loro interessi, i loro appetiti, i loro timori. Per la maggior parte, essi sono pronti a tutte le bassezze – al rinnegamento, alla perfidia, al tradimento – per ambizione e per lucro. Nella sfera sacra degli interessi personali, il fine giustifica per loro qualsiasi mezzo. E ‘appunto per ciò che gli occorre un codice morale speciale, pratico e nello stesso tempo elastico, come un buon paio di bretelle. Essi detestano chiunque riveli alle masse i loro segreti professionali. In tempo di pace, il loro odio s’esprime tramite ingiurie, volgari o «filosofiche». Quando i conflitti sociali si acuiscono, come in Spagna, quei moralisti, di conserva con la GPU, sterminano i rivoluzionari. Poi, per giustificarsi, ripetono che «trotskismo e stalinismo sono una sola e medesima cosa».
Interdipendenza dialettica del fine e dei mezzi

Il mezzo non può essere giustificato che dal fine. Ma anche il fine abbisogna di una giustificazione. Dal punto di vista del marxismo, che esprime gli interessi storici del proletariato, il fine è giustificato se porta all’accrescimento del potere dell’uomo sulla natura e all’abolizione del potere dell’uomo sull’uomo.
«Forse per attingere questo fine, tutto è lecito?», ci chiederà sarcasticamente il filisteo, rivelando di non aver compreso nulla. E’ lecito, risponderemo, tutto ciò che porta effettivamente alla liberazione degli uomini. Questo fine non potendo essere raggiunto che attraverso vie rivoluzionarie, la morale emancipatrice del proletariato ha necessariamente un carattere rivoluzionario. Insieme ai dogmi della religione, essa si oppone irriducibilmente ai feticci, quali che siano, dell’idealismo, questi gendarmi filosofici della classe dominante. Essa deduce le regole di condotta dalle leggi dello sviluppo sociale, vale adire, innanzitutto dalla lotta di classe, che è la legge delle leggi.
Il moralista insiste ancora: «Forse che nella lotta di classe contro il capitalismo tutti i mezzi sono leciti? La menzogna, il falso, il tradimento, l’assassinio, ecc. ?».
Noi gli rispondiamo: sono ammissibili e obbligatori solo quei mezzi che accrescono la coesione del proletariato. Gli insufflano nell’anima un odio inestinguibile verso l’oppressione, gli insegnano a disprezzare la morale ufficiale e i suoi reggicoda democratici, lo compenetrano della consapevolezza della sua missione storica, aumentando il suo coraggio e la sua abnegazione. Di qui si ricava per l’appunto che non tutti i mezzi sono leciti. Quando noi diciamo che il fine giustifica i mezzi, ne risulta per noi che il grande fine rivoluzionario respinge, di tra i suoi mezzi, i procedimenti e i metodi di quegli indegni che spingono una parte della classe operaia contro le altre; o che tentano di fare la felicità delle masse senza il concorso di queste; o che sminuiscono la fiducia delle masse in se stesse e nella loro organizzazione, sostituendovi l’adorazione dei «capi». Sopra ogni altra cosa, la morale rivoluzionaria condanna irriducibilmente il servilismo nei confronti della borghesia e l’altezzosità nei confronti dei lavoratori, ossia uno degli aspetti più radicati della mentalità dei pedanti e dei moralisti piccoloborghesi.
Questi criteri non dicono, ciò va da sé, quel che è lecito e quel che inammissibile in una data situazione. In questo campo, non possono darsi risposte automatiche, in quanto i problemi della morale rivoluzionaria si confondono coi problemi della strategia e della tattica rivoluzionaria. E’ l’esperienza viva del movimento, illuminata dalla teoria, a trovar loro una giusta soluzione.
Il materialismo dialettico non tiene separato il fine dai mezzi. Il fine viene dedotto, in tutta naturalezza, dal divenire storico. I mezzi sono organicamente subordinati al fine. Il fine immediato diventa il mezzo del fine ulteriore … .
Ferdinand Lassalle fa dire, nel dramma Franz von Sickingen , a uno dei personaggi: Non mostrare solo la meta, mostra altresì il cammino, giacché la meta ed il cammino sono talmente uniti
che l’uno cambia con l’altro e si muove con lui. E che un nuovo cammino rivela un’altra meta..
I versi di Lassalle sono alquanto imperfetti. Lassalle stesso, e questo è più imbarazzante ancora, s’allontanò, nella pratica politica, dalla regola che aveva in tal modo espressa: si sa ch’egli scese a negoziati segreti con Bismark. Ma l’interdipendenza del fine e dei mezzi è bene espressa in questi quattro versi. Per ottenere una spiga di frumento è necessario seminar prima un chicco di frumento.
Il terrorismo individuale è ammissibile o no, dal punto di vista della «morale pura»? Sotto questa forma astratta, per noi la domanda non si pone nemmeno. I borghesi conservatori svizzeri tributano tuttora elogi ufficiali al terrorista Guglielmo Tell. Le nostre simpatie vanno senza riserve ai terroristi irlandesi, russi, polacchi, indù ribellatisi a un gioco politico e nazionale. Kirov, satrapo brutale, non suscita in noi alcuna compassione. Noi restiamo neutrali riguardo a colui che l’ha ucciso solo perché ignoriamo i suoi moventi. Se apprendessimo che Nikolaev ha colpito consapevolmente nell’intento di vendicare gli operai di cui Kirov calpestava i diritti, le nostre simpatie andrebbero senza riserve al terrorista. Ma ciò che è decisivo ai nostri occhi non è il movente soggettivo, bensì l’utilità oggettiva. Il tale mezzo può 17 condurci alla meta? Per il terrorismo individuale, la teoria e l’esperienza testimoniano del contrario. Noi diciamo al terrorista: non è possibile sostituirsi alle masse; il tuo eroismo troverebbe di che applicarsi utilmente solo in seno a un movimento di masse. Nell’ambito di una guerra civile, l’assassinio di taluni oppressori non appartiene più al terrorismo individuale. Se un rivoluzionario facesse saltare in aria il generale Franco e il suo stato maggiore, è dubbio che quest’atto susciterebbe l’indignazione morale, persino fra gli eunuchi della democrazia. In tempo di guerra civile, un atto di questo genere sarebbe politicamente utile. Così, per quel concerne il problema più grave – quello dell’omicidio – le regole morali sono del tutto inoperanti. Il giudizio morale è condizionato, col giudizio politico, dalle necessità interne della lotta. L’emancipazione degli operai non può essere che l’opera degli operai stessi. Non v’è dunque delitto più grande che il trarre in inganno le masse, che il far passare delle sconfitte per vittorie, degli amici per nemici, che l’acquistare capi, il fabbricare leggende, il montare processi mendaci: in una parola, che fare quel che fanno gli staliniani. Questi mezzi non possono servire che a un solo fine: prolungare il dominio di una fazione già condannata dalla storia. Essi non possono servire per l’emancipazione delle masse. Ecco perché la IV Internazionale sostiene contro lo stalinismo una lotta mortale.
Va da sé che le masse non sono senza peccato. Noi non siamo affatto inclini a idealizzarle. Le abbiamo viste in varie circostanze, in diverse tappe, in mezzo ai più grandi rivolgimenti. Abbiamo osservato le loro debolezze e le loro qualità. Le loro qualità, la decisione, l’abnegazione, l’eroismo, trovavano sempre la loro più alta espressione nei periodo in cui la rivoluzione procedeva d’impeto. In quei momenti, i bolscevichi furono alla testa delle masse. In seguito, si aprì un altro capitolo della storia, quando si palesarono le debolezze degli oppressi: eterogeneità, insufficienza culturale, ristrettezza d’orizzonti. Affaticate, deluse, le masse si accasciarono, persero la fede in se stesse e cedettero il posto a una nuova aristocrazia. In quel periodo, i bolscevichi (i «trotskisti») si trovarono isolati dalle masse. In pratica, abbiamo già attraversato cicli simili: 1897-1905, annate di flusso; 1907-1913, annate di riflusso; 1917-1923, annate contraddistinte da un incremento senza precedenti nella storia; poi, un nuovo periodo di reazione che non è ancora finito. Grazie a questi avvenimenti, i «trotskisti» hanno imparato a conoscere il ritmo della storia, o in altri termini la dialettica della lotta di classe. L’hanno imparato e, sembra a noi, sono riusciti a subordinare a tale ritmo oggettivo i loro disegni soggettivi e i loro programmi. Hanno imparato a non disperare, poiché le leggi della storia non dipendono dai nostri gusti individuali e dai nostri criteri morali. Hanno imparato a subordinare i loro gusti individuali a tali leggi. Hanno imparato a nontemere i nemici più potenti, se la potenza di questi nemici è in contraddizione con le esigenze dello sviluppo storico. Essi sanno rimontare la corrente nella convinzione profonda che l’afflusso storico di nuova potenza li porterà sino all’altra riva. Non tutti: molti annegheranno per via. Ma il partecipare a tale movimento con gli occhi aperti, con una volontà tesa, costituisce la soddisfazione morale per eccellenza che possa essere data a un essere pensante!

Coyoacan, 16 febbraio 1938

PS, Scrivevo queste pagine senza sapere che, in quegli stessi giorni, mio figlio lottava con la morte. Dedico alla sua memoria questo breve lavoro che, io spero, avrebbe incontrato la sua approvazione, poiché Lev Sedov era un rivoluzionario autentico e disprezzava i farisei

 .